Clandestini, meno arrivi a febbraio. Tranne che in Italia, dove raddoppiano

La stragrande maggioranza dei clandestini che arrivano in Europa passano attraverso la rotta mediterranea verso l’Italia. E’ quanto si evince dai dati diffusi dall’agenzia europea Frontex per il mese di febbraio che rilevano un importante calo degli arrivi complessivi, salvo che in Italia, dove si assiste ad un raddoppio con quasi 9mila unità. Nel mese di febbraio, riferisce Frontex, sono stati rilevati più di 10.900 attraversamenti clandestini delle frontiere sulle tre principali rotte migratorie verso l’Ue. Si tratta di meno di un decimo del dato riscontrato lo scorso anno nello stesso mese, nonostante il valore superi del 46% il dato rilevato a gennaio a causa di un incremento in corrispondenza dell’area del Mediterraneo centrale. Nonostante le difficili condizioni atmosferiche nella zona del Mediterraneo centrale, l’Italia è stata soggetta a un’alta pressione migratoria. Nel mese di febbraio il numero di migranti che hanno raggiunto le coste italiane è più che raddoppiato, raggiungendo quasi le 9000 unità. Il dato complessivo relativo ai primi due mesi del 2017 è pari a 13.440.

I clandestini vengono da Guinea e Bangladesh, Paesi in pace

Tra le nazionalità dei clandestini arrivati in Italia nel mese di febbraio spiccano a livello numerico i cittadini della Guinea e del Bangladesh. Mentre la maggior parte dei clandestini provenienti dai Paesi africani si dirigono verso la Libia via terra, i bengalesi raggiungono lo stato nordafricano e in particolare Tripoli attraversando il Medio Oriente per via aerea, accedendo al paese grazie a un visto di lavoro libico. Successivamente sono costretti a pagare i trafficanti così da ricevere assistenza per raggiungere le coste libiche. Il numero di clandestini che giungono alle coste delle isole greche dell’Egeo orientale è sceso a poco più di 1.000 nel mese di febbraio, in calo di un terzo rispetto al mese precedente e di una percentuale minima rispetto al valore registrato un anno fa, nota Frontex. Nei primi due mesi dell’anno, il totale ha raggiunto poco più di 2.500 unità. Una simile tendenza è stata osservata in corrispondenza delle frontiere terrestri sulla rotta del Mediterraneo orientale, dove sono stati rilevati 180 attraversamenti clandestini solo nel mese di febbraio. La maggioranza degli attraversamenti rilevati il mese scorso sulla rotta del Mediterraneo orientale è costituita da cittadini provenienti dalla Siria, dal Pakistan e dalla Repubblica Democratica del Congo. Nel mese di febbraio sono stati rilevati meno di 1000 attraversamenti clandestini delle frontiere dei Balcani occidentali, il 36% in meno rispetto al mese precedente e meno del 3% rispetto all’afflusso riscontrato a febbraio 2016. Questa rotta è stata battuta per la maggior parte da afghani e pakistani.