Resiste il “boom” dei licei. Li ha scelti il 52 per cento degli studenti

FacebookPrintCondividi

E’ sempre boom per i licei, che restano, terminate le scuole medie, gli istituti più gettonati dagli studenti: a sceglierli, infatti, è stato il 52 per cento dei 14enni, con un picco delle ragazze (60,7 per cento). Sono dati di un focus relativo ai dati delle iscrizioni alle classi prime delle scuole primarie e secondarie di I e II grado pubblicati sul sito del ministero dell’Istruzione. Un focus che conferma l’andamento delle iscrizioni già anticipato a fine febbraio. Gli istituti tecnici accolgono il 30,5 per cento degli studenti, confermando il dato del precedente anno scolastico. In diminuzione dell’1,1 per cento, invece, le preferenze per gli istituti professionali (17,5 per cento).

Licei in testa nel Centro. Istituti professionali bene al Sud

A livello geografico, i licei registrano il gradimento maggiore nel centro Italia (57,8 per cento), gli istituti tecnici nel Nord-Est (36,2 per cento), gli istituti professionali, infine, evidenziano le migliori performance nel Sud e nelle Isole (rispettivamente 19,5 per cento). In tutto – evidenzia il focus – sono state 1.576.722 le domande di iscrizione alle classi prime di scuola primaria e secondaria di I e II grado presentate online per il prossimo anno scolastico 2016-2017, il 97,1 per cento delle quali indirizzate alle scuole statali. La procedura si era aperta il 22 gennaio scorso e si è chiusa un mese dopo, il 22 febbraio. L’adesione delle scuole paritarie alla procedura di iscrizione online è rimasta facoltativa anche per il prossimo anno scolastico, mentre è stata aperta anche per i percorsi di istruzione e formazione professionale presso i Centri di formazione professionale (Cfp) accreditati dalla Regione che hanno sottoscritto con il Miur un’apposita convenzione. Il 61 per cento delle famiglie che ha iscritto i proprio figli in prima elementare ha scelto il tempo ordinario, soprattutto le 27 ore settimanali. Una percentuale che sale all’85,7 per cento nel caso del tempo ordinario a 30 ore nella scuola secondaria di primo grado.

Aumentano le iscrizioni online

Complessivamente sono 549mila ragazzi che dopo la terza media hanno deciso di continuare gli studi, il 94,5 per cento dei quali ha scelto una scuola secondaria superiore. Il restante 5,5 per cento (pari a 30.319 ragazzi) ha optato per percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) svolti presso strutture formative accreditate dalle Regioni. Rispetto allo scorso anno scolastico, è cresciuto il gradimento delle famiglie per il servizio di iscrizioni online. Il 64,4 per cento degli utenti ritiene efficiente il funzionamento del servizio (era il 59, nel 2015-2016). Il 54, per cento% considera semplice l’utilizzo del sistema contro il 49,9 dello scorso anno. Il 70,2 per cento considera la procedura vantaggiosa in termini di risparmio di tempo contro il precedente 66,3 del precedente anno scolastico.