Dimagrire senza sforzo? I medici: Si può. Con una piccola scossa al cervello

È il sogno di molti: dimagrire davvero senza sacrifici e senza doversi impegnare troppo. Ora uno studio sembra dire che potrebbe realizzarsi. Grazie a una piccola scossa al cervello.

Lo studio degli Istituti di salute pubblica Usa

Ad alimentare le speranze è un primo studio pilota svolto presso il Phoenix Epidemiology and Clinical Research Branch, parte degli Istituti di salute pubblica statunitensi, pubblicato sulla rivista Obesity e presentato al meeting 2015 della Obesity society. Dalla ricerca è emerso che una stimolazione non invasiva e indolore diretta al cervello dall’esterno, con una sonda appoggiata sulla testa, aiuta a diminuere le calorie ingerite da pazienti obesi.

Cos’è la “stimolazione magnetica transcranica”

La “stimolazione magnetica transcranica” è un trattamento non invasivo che in Usa è già approvato per curare la depressione farmaco-resistente e sia negli Stati Uniti sia in tutto il mondo è utilizzato in maniera sperimentale da diversi gruppi di ricerca per molte altre patologie. Consiste nell’applicare dall’esterno un campo magnetico indirizzato al cervello, precisamente a una parte precisa della corteccia cerebrale. Il campo magnetico applicato modifica la normale attività della zona neurale bersaglio.

Dimagrire? Una scossetta e si mangia di meno

Nel lavoro su nove pazienti obesi gli esperti hanno sottoposto 5 dei pazienti a stimolazione trascranica, gli altri 4 a una stimolazione placebo. I ricercatori hanno chiesto loro di mangiare ad libitum a un distributore automatico di snack. Hanno così visto che coloro che sono stati trattati con la stimolazione magnetica ingeriscono qualcosa come 700 calorie in meno alla macchinetta e prendono così meno peso dopo l’abbuffata, segno che la stimolazione induce a consumare meno cibo. Si tratta di uno studio ancora preliminare, ma promettente: i ricercatori hanno intenzione di ripeterlo su un maggior gruppo di pazienti.