X
Advertising
Advertising

Fdi Toscana: espugnata la roccaforte rossa, stiamo già lavorando per governare la Regione nel 2025

Advertising
Advertising

Toscana, anche lo storico baluardo del Pd rimarca a suon di risultati elettorali la fine di qualsiasi illusione dem. E mentre il partito a guida Enrico Letta si lecca le ferite, e dopo la debacle elettorale del 25 settembre pensa di rifondarsi, Fratelli d’Italia commenta con soddisfazione e orgoglio il successo delle urne nella ex roccaforte rossa. «Stiamo già lavorando per governare la Regione nel 2025», ha esordito allora il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Fabrizio Rossi, alla conferenza stampa sull’esito delle elezioni politiche e le prospettive future di Fratelli d’Italia in Toscana. Aggiungendo a stretto giro: «È sensazionale il risultato raggiunto da Fdi alle ultime politiche. Dove governiamo siamo stati premiati. E abbiamo avuto consensi impensabili anche in territori che sembravano inespugnabili come la piana fiorentina».

 Fdi Toscana: il valore del successo nella roccaforte rossa

Advertising
Advertising
Advertising
Advertising

Parole che esprimono gratificazione e ottimismo per l’impegno profuso sul territorio toscano e i risultati conseguiti. «La nostra classe dirigente – ha infatti proseguito Rossi –. I nostri assessori, i nostri consiglieri, sono riusciti a dimostrare quanto si possa cambiare anche in Toscana. Ci stiamo già impegnando per costruire la più ampia alleanza di centrodestra per le prossime regionali». E ancora: «Oggi Fratelli d’Italia è il perno della coalizione di centrodestra. Un partito nato dieci anni fa. Cresciuto fortemente grazie all’impegno della nostra classe dirigente e dei nostri militanti – ha sottolineato Fabrizio Rossi –.  Non è né un fuoco di paglia, né un caso la nostra vittoria nelle urne: perché la nostra forza è il duro lavoro sul territorio. Cosa che la sinistra toscana ha dimenticato da tempo».

La Toscana ha premiato il centrodestra: Fdi già al lavoro per governare la Regione

Una soddisfazione e una gioia condivise da tutti i presenti alla conferenza stampa, a partire dagli stessi relatori in aula: da Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale. Fino ai consiglieri regionali FdI Vittorio Fantozzi, Alessandro Capecchi e Gabriele Veneri. «Siamo indubbiamente contenti di questo risultato», ha spiegato allora anche Torselli, una volta presa la parola. «La narrazione per cui la Toscana è una Regione di sinistra è definitivamente tramontata. E per capirlo bastano pochi numeri: alle regionali del 2015 Fratelli d’Italia prendeva appena 50mila voti, fermandosi al 3,6%. Mentre domenica scorsa il nostro partito ha preso addirittura mille voti in più del Pd

Advertising
Advertising
.

«Giani governa sapendo che la maggioranza dei cittadini non si riconosce più nella sua coalizione di governo»

Pertanto, ha continuato la sua disamina Torselli, «in questo scenario, il presidente Giani avrà l’onere di guidare la Regione per i prossimi tre anni, con la consapevolezza che la maggioranza dei suoi concittadini non si riconosce più nella sua coalizione di governo». Sì, perché come il capogruppo di Fdi al Consiglio regionale ha ribadito subito dopo, «la maggioranza regionale è ufficialmente spaccata: il “campo largo” tanto propagandato dallo stesso Giani esiste solo nelle sue narrazioni. Inutile facciano finta di niente, ma il vice-presidente della Giunta Regionale e il vice-presidente del Consiglio si sono candidati, alle politiche della scorsa settimana, contro il partito del Presidente del Consiglio e del Presidente della Giunta!».

Fdi in Toscana: «Noi continueremo a lavorare pancia a terra»

Non solo. «E mentre Giani – incalza Torselli – per dimostrare di avere ancora una maggioranza in Toscana, somma i voti del Pd a quelli di Italia Viva ed Azione, questi ultimi stanno invitando i sostenitori del Pd ad andare da loro!»… A fronte di tutto questo. E «al di là delle divisioni a sinistra – ha poi concluso l’esponente Fdi – noi continueremo a lavorare pancia a terra, sfruttando la nostra forza e la presenza sui territori, per individuare il candidato migliore per strappare la poltrona di Governatore al centrosinistra nel 2025», ha concluso Torselli, con un progetto che annuncia ben più di una promessa…

Advertising
Advertising
Advertising
Advertising