Meloni andrà a cena con Luca Trapanese: “Tifo per te e Alba. Sulle adozioni burocrazia infernale”

6 Set 2022 12:06 - di Vittorio Giovenale
Meloni, Luca Trapanese

Giorgia Meloni ha risposto oggi con un lungo post alla lettera aperta di Luca Trapanese. L’assessore comunale al Welfare di Napoli – e padre single di Alba, una  bambina con sindrome di Down – si è rivolto alla leader di Fratelli d’Italia chiedendo di equiparare le famiglie monogenitoriali a quelle con un padre e una madre. “Siamo entrambi capaci di amare ed educare le nostre figlie”, ha detto Trapanese nel suo video messaggio.

Trapanese ha raccontato la sua storia, quella sua e di Alba, 5 anni: “Cara Giorgia Meloni , mi piacerebbe trovarmi a un tavolo con te e chiacchierare un po’ di adozione, un tema che entrambi riteniamo cruciale da punti di vista diversi e, se ti farà piacere, potrebbe essere il tavolo di casa nostra, mia e di Alba. Sei la benvenuta, porta anche tua figlia Ginevra. Alba vi accoglierebbe con uno dei suoi tipici sorrisi. Mentre le nostre figlie giocherebbero insieme, ti racconterei di noi”.

La lettera integrale di Giorgia Meloni a Luca Trapanese

La risposta della leader di FdI non si è fatta attendere. «Ciao Luca – ha esordito la Meloni – Ti rispondo volentieri perché, al netto della differente appartenenza politica, ammiro la tua storia e tifo per te ed Alba. Da quello che ho letto e dai tuoi occhi, sono convinta che stai offrendo a tua figlia tutto il tuo amore. Accetto con piacere l’invito a cena, anche da parte di Ginevra, che si divertirebbe un mondo a giocare con Alba e a mangiare la vostra pizza “leggendaria”.
D’altra parte, ti direi le stesse cose che sostengo in pubblico. Chi ha il compito di scrivere le leggi commetterebbe un errore se non considerasse alcuni princìpi. La norma non è mai dettata per singoli individui, ma per un numero indeterminato di persone che si trovano in una stessa situazione. Lo dico per prevenire una tua possibile obiezione: “Quante coppie etero sarebbero genitori peggiori di una coppia omosessuale o un single?».

«Non saprei darti un numero – prosegue il post – ma ce ne sarebbero e ce ne sono. Ciò non toglie che per un bambino essere cresciuto e amato da un papà e una mamma è meglio che esserlo da uno solo dei 2. Non conosco nessuno che rinuncerebbe a uno dei propri genitori. Io non ho avuto la possibilità di scegliere e ho dovuto farci i conti per tutta la vita».

“La norma deve porsi dalla parte dei più fragili”

«La norma – prosegue il post della Meloni – deve anzitutto porsi dalla parte del soggetto più fragile, difenderlo e garantirgli condizioni di vita migliori possibili. Detto ciò, è chiaro che un single o una coppia omosessuale sarebbero meglio di una casa-famiglia. Ed è giusto che la legge consenta a te e Alba di essere famiglia. Poiché si pone sempre dalla parte del soggetto più fragile. E quindi ammette che in situazioni particolari come la vostra vi possa essere un’adozione a tutti gli effetti.
Ma la realtà è ancor più complessa: in Italia ci sono tantissime coppie che tentano disperatamente di adottare un bimbo attraversando un’infernale trafila burocratica e sono molte di più dei bambini dichiarati adottabili. Per questo serve fare tanto: potenziare servizi di protezione dell’infanzia, tagliare burocrazia, velocizzare adozioni nazionali e internazionali, sostenere economicamente le coppie che decidono di fare questo straordinario gesto d’amore. Temi sui quali sono convinta saresti d’accordo con me. Ma ne riparliamo a cena – ha concluso la Meloni nel suo messaggio a Luca – Vi abbraccio forte».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA