Giorgia Meloni: «Il presidenzialismo è una riforma seria delle nostre istituzioni»

12 Ago 2022 11:40 - di Giorgia Castelli
Meloni presidenzialismo

«Vediamo finalmente gli italiani esprimersi, dopo governi che sono passati sulla loro testa, stiamo facendo campagna elettorale senza fare promesse che non possiamo realizzare, è il caso di dire come stanno le cose, partendo dai dati reali». Così Giorgia Meloni, ospite di Radio Montecarlo. «Noi – avverte – ci concentriamo molto sulla questione economica, sui bisogni di aziende e lavoratori, la sinistra ha sostenuto le grandi concentrazioni invece».

Meloni: «Il presidenzialismo riforma seria, serve continuità»

La leader di Fratelli d’Italia poi puntualizza: «Tra le cose che abbiamo in testa penso al presidenzialismo, a una riforma seria delle nostre istituzioni, che diventa anche un tema economico, la totale assenza di continuità è anche un problema per gli investitori e per la nostra credibilità internazionale».

«Ricolfi mette in luce le contraddizioni del partito di Letta»

Giorgia Meloni, poi sulla sua pagina Fb pubblica un post in cui cita Luca Ricolfi, sociologo e politologo, docente di Analisi dei dati dell’Università di Torino, presidente della Fondazione Hume. «Un grandissimo Luca Ricolfi mette in luce, punto per punto, tutte le contraddizioni e l’incoerenza del partito di Letta», scrive la leader di FdI allegando al post quello che ha affermato il sociologo in un’intervista a ItaliaOggi.

La reazione del web

Tanti i commenti al post della Meloni. Scrive un utente: «Ricolfi, uomo di sinistra ma intellettualmente onesto. Chapeau!». E un altro scrive ancora: «E pensare che ci saranno molti che ragionano ancora con il fazzoletto rosso al collo che li voteranno, convinti che il Pd sia dalla loro parte!». Poi c’è chi osserva: «Solo le persone intelligenti sono obiettive e oneste… bravo Prof. Ricolfi». Durissimo il commento di un utente: «Conoscevo una persona, brava ed onesta, ma fortemente ingenua. Era il segretario del Pci di un comune di 15.000 abitanti. Un giorno in sezione disse: «Qui esiste il massimo della democrazia ma si fa quello che dico io». Nella mia esperienza ho visto come la sinistra tratta i soggetti interni critici (…). Ecc… la sinistra è un mondo triste ed approfittatore che delle persone non gliene frega proprio niente».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA