Il sergente russo Vadim sotto processo a Kiev si scusa con la vedova della sua vittima: “Riconosco la mia colpa”

19 Mag 2022 19:23 - di Paolo Lami

Processato a Kiev con l’accusa di crimini di guerra commessi in Ucraina, il sergente Vadim Shishimarin, il primo militare russo ad essere portato alla sbarra si scusa in aula con Kateryna Shalipova, vedova del civile di 62 anni a cui ha sparato alla testa, nel villaggio di Chupakhivka, nella regione di Sumy nel nord est dell’Ucraina, lo scorso 28 febbraio.

Riconosco la mia colpa, ti chiedo di perdonarmi”, ha detto Vadim Shishimarin spiegando, come d’altra parte hanno sempre fatto i militari in qualsiasi processo e in qualsiasi epoca, che non poteva non obbedire agli ordini del suo superiore.

E ha ricordato che un ufficiale gli aveva detto di sparare all’uomo che stava parlando al telefono perché avrebbe potuto fornire informazioni sulla loro posizione.

Shishimarin e altri militari russi si trovavano a bordo di un’auto e stavano scappando dalle forze ucraine quando è successo il fatto.

“Si merita l’ergastolo per aver ucciso mio marito”, Oleksandr Shelipov, ha replicato Kateryna Shalipova.

Ma Shishimarin potrebbe essere lasciato libero e mandato in Russia se entra a far parte di uno scambio di prigionieri ”con i difensori di Mariupol” in modo da salvare ”i nostri ragazzi”, ovvero con i centinaia di combattenti ucraini evacuati dalle acciaierie Azovstal, ha detto la vedova.

I procuratori ucraini hanno mostrato diversi fucili come prova e l’imputato ha riconosciuto l’arma usata.

In aula è stato ascoltato un altro militare russo, Ivan Maltysev, anche lui 21enne e anche lui arresosi alle forze ucraine insieme a Shishimarin.

Durante la sua testimonianza Ivan Maltysev ha raccontato che i russi erano stati costretti a ritirarsi a piedi con alcuni loro soldati feriti confermando che il suo commilitone  Vadim Shishimarin era stato costretto a sparare.

“Non è stato Vadim a volerlo. Un soldato, di cui non conosco il nome, si è voltato in macchina e ha gridato che Vadim doveva eseguire l’ordine, altrimenti saremmo stati individuati”, ha detto facendo riferimento al fatto che la vittima stesse parlando al telefono e, secondo i russi, avrebbe potuto fornire indicazioni su dove si trovavano.

“A questo punto, eravamo quasi a fianco del civile e, sotto pressione, Vadim ha sparato. Ha sparato tre o quattro colpi“, ha aggiunto Maltysev.

Gli altri due soldati che erano in macchina con loro sono stati portati in Russia nell’ambito di uno scambio di prigionieri, ha reso noto l’avvocato.

La vedova ha raccontato alla Corte di aver sentito spari in lontananza dal loro cortile.

“Sono corsa da mio marito, era già morto. Gli hanno sparato alla testa. Ho urlato, ho urlato così tanto”, ha detto Kateryna Shalipova.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA