Referendum, FdI sostiene solo due quesiti sulla giustizia. La posizione di Pd, Conte e Italia Viva

giovedì 17 Febbraio 8:06 - di Francesco Severini
referendum

Referendum, Salvini esulta per i cinque quesiti sulla giustizia portati a casa. Meloni plaude all’affossamento del quesito sulla cannabis.  Quanto ai referendum sulla giustizia, che potrebbero provocare un terremoto in un campo dove la politica non è riuscita a mettere mano, FdI ne sosterrà solo due: quello sulla separazione delle funzioni e quello sull’elezione del Csm.

Delmastro: FdI appoggerà due quesiti sulla giustizia

”Si tratta di due battaglie cardine di tutto il centrodestra e in particolare di Fratelli d’Italia”, dice il deputato Andrea Delmastro, responsabile giustizia del partito che spiega: ”Sosterremo il referendum sulla separazione delle funzioni per arrivare al vero equo processo richiamato dalla Costituzione e quello sull’elezione del Csm per iniziare ad affrontare gli scandali correntizi rilevati negli ultimi giorni, anche dal caso Palamara”. Comunque FdI farà una riflessione generale: nella giornata di venerdì è prevista la Direzione del partito e all’ordine del giorno potrebbe esserci proprio il tema dei referendum sulla giustizia.

Referendum, Salvini evita polemiche con FdI

I giornali parlano dunque subito di asse Lega-Forza Italia sulla giustizia e di una posizione tiepida di Giorgia Meloni. Ma la campagna referendaria deve ancora cominciare ed è presto per fare previsioni. Lo stesso Salvini evita polemiche con FdI mentre ci si aspetta una posizione contraria da parte del Pd che a caldo ha già fatto sapere che ritiene quella del Parlamento la strada privilegiata per fare le riforme.

Conte boccia i referendum: inidonei a migliorare la giustizia

Più deciso Giuseppe Conte, leader del M5S, che sui referendum non annuncia una decisione definitiva, ma che di fatto li boccia: «I quesiti offrono una visione parziale e sono inidonei a migliorare e rendere più equo il servizio della giustizia. Siamo orientati a respingerli ma da noi la discussione è sempre molto ampia e ho già anticipato che mi piacerebbe coinvolgere e consultare gli iscritti su questo tema».  Per Italia Viva, infine, «dare la parola agli italiani è la miglior soluzione».

Alla Camera, intanto, sono in arrivo gli emendamenti del governo alla riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario, che riguardano le materie oggetto di tre dei cinque quesiti ammessi, incluso quello per la separazione delle funzioni dei magistrati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *