Fedez, nel nuovo album un pezzo con battute su Renzi, Salvini e sul libro di Giorgia Meloni

venerdì 26 Novembre 11:13 - di Redazione
Fedez

Nei giorni scorsi Fedez scherzava con la moglie sulle querele che il nuovo album gli avrebbe provocato e forse per questo, scaramanticamente, il pezzo-invettiva di ‘Disumano‘, uscito stanotte all’una e presentato in una diretta Instagram casalinga dai Ferragnez, si intitola ‘Un Giorno in Pretura‘ e ne ha per tutti, da Matteo Renzi a Giorgia Meloni, alla Lega.

Non a caso il brano inizia con un intro letta da Giuseppe Cruciani: “Tutti i personaggi e gli eventi di questa canzone sono del tutto immaginari. La seguente canzone contiene un linguaggio scurrile. E per il suo contenuto non dovrebbe essere ascoltata da nessuno”. Poi la citazione del renziano “first reaction: shock”, quindi l’affondo di Fedez sul leader di Italia Viva: “Io e mia mia moglie siam tutti esauriti, tutti i desideri esauditi. Come Renzi quando si è preso ottantamila petroldollari sauditi (Ahi!)“. E ancora: “Un ex-premier che fa complimenti sotto dettatura, a una cazzo di dittatura. Che cattura e taglia la testa ai gay perché contro natura (Rinascimento)”.

Nel testo, in cui Fedez ricorda sia Giulio Regeni che Federico Aldovrandi e dedica un passaggio ironico ad Andrea Bocelli e alle sue performance a margine di assemblee dell’Onu e dell’Unesco (“Bocelli è come portare lo spumante se ti invitano a cena (Buonasera, buonasera)/L’unica differenza tra lo spumante ed Andrea/E’ che Andrea, va ad un’assemblea, che è una messa in scena/Dove si grida: ‘Bill Gates è un’aliena, che ci spara il 5G in vena'”.

Poi il passaggio sulla Meloni: “Quanto m’hanno rotto il c-Amazon/Voi lo arricchite sto Amazon/Io mi faccio arricchire da Amazon/La Meloni che grida: “Allo scandalo, boicottate la mafia di Amazon, e comprate il mio libro ‘Io sono Giorgia’. ‘Oddio ma è primo su Amazon!'”, recita il brano. Infine la Lega e la ‘legittima difesa’: “E pensare che l’eutanasia in Italia sembrava una cosa utopistica. Quando per morire ti basta dare un pugno in faccia ad un assessore leghista“.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *