Salvini: «Il reddito di cittadinanza è un’offesa a chi si alza alle 5 di mattina, non va dato a chi passeggia»

venerdì 15 Ottobre 9:52 - di Fulvio Carro
Salvini

«Non ci sono redditi di cittadinanza da regalare a quelli che passeggiano per strada». Lo ha detto Matteo Salvini a Seveso, dove si è recato in vista del ballottaggio. «Tra noi e la sinistra ci sono due visioni diverse».. A Draghi «ho chiesto di tagliare abbondantemente il reddito di cittadinanza. Va dato a chi non può lavorare, a chi è disabile e non ce la fa. Non va dato a chi non vuole lavorare, che è una offesa a chi si alza alle 5 di mattina». Il reddito di cittadinanza «così com’è, è un disincentivo al lavoro, un incentivo ai furbetti e agli evasori».

Salvini, nuovo attacco alla Lamorgese

Poi Salvini ha affrontato la questione sicurezza. «Finite le elezioni ci sarà qualcosa da sistemare anche al ministero dell’Interno. Qualcuno non sa fare il suo mestiere, è al posto sbagliato nel momento sbagliato». Concetto, questo, che il leader della Lega ha ribadito in un incontro elettorale a Cassano d’Adda. «Siamo di fronte a una fallimentare gestione dell’ordine pubblico. Qua c’è un ministro che o inizia a fare il ministro o si deve dimettere. Garantire sicurezza degli italiani è fondamentale, soprattutto in giorni delicati come questi».

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi