Verso la vaccinazione “perpetua”. Ma c’è il tempo dei vaccini e il tempo delle cure

lunedì 2 Agosto 11:39 - di Antonio Saccà
vaccini

Se non esistessero menti critiche libere noi avremmo la vaccinazione obbligata e perpetua. Questo il risultato a quasi due anni dalla pandemia. Non solo obbligata anche perpetua. Giacchè il recentissimo ingegnoso rimedio di salvezza verrebbe dalla successione dei vaccini, non uno, non due, ma tre. Tre vaccini in scarni mesi. Credo una novità. Sconvolgente. Che sta accadendo? Aumenta il numero dei contagiati, non aumenta il numero dei decessi,cresce il numero dei vaccinati. Numeri  non fissi ma con una certa stabilità che permette  valutazione.Qualcosa accade che non dovrebbe accadere, aumentando il numero dei vaccinati dovrebbe scemare il numero dei contagiati, invece aumenta il numero dei vaccinati e il numero dei contagiati! Fatto che sorprende? E che significa?

I vaccini attenuano la malattia

Significa che i vaccini non eliminano il contagio,nè la malattia, la attenuano ma non la eliminano? Proprio così. Questi vaccini, “questi” vaccini non sono mirati ad eliminare la malattia bensì, ripeto, ad ammansire i rischi ferali. E’ la scoperta della fenomenologia virale. Non era stato detto, anzi appariva il contrario: sii vaccinato e sarai risanato, il virus lo hai ucciso e tu sei vivo. Niente affatto. Tu sei vivo ma il virus sopravvive e tu puoi contagiarti ed ammalarti. In modo lieve, sembra, ed è una conquista, se non verrà smentita. Ancora la gente non si è resa consapevole in massa che i vaccini non stroncamo il male come i vaccini del vaiolo, del morbillo; e crede che i vaccini si equivalgono. Per nulla. “Questi” vaccini non eliminano, attenuano la malattia, indispensabile insistere perché la differenza ha effetti radicalmente da distinguere, appunto.

Quando la gente in massa  comprenderà che pur vaccinato l’individuo non è immunizzato del tutto, si sentirà indifeso e specialmente ingannato. Se mantiene fiducia, la declinerà. Ma forse continuerà a vaccinarsi. Il vaccino è diventato  sacro. Il che significa che ormai avanza il fantasma della Terza Dose. In Israele la si attua, e con un vaccino, Pfizer, del quale si delegittima l’efficacia. E’ sbalorditivo disistimare un vaccono  ed usarlo. Dicono che per la Terza Dose basta una potenza vaccinale minore.Ne ascoltiamo tante e tali che niente ci sorprende. Sorprende però che si rivaccinino persone vaccinate a ciclo completo. Se una doppia vaccinazione non ha immunizzato vale riconoscere che “questi” vaccini non hanno lo scopo di eleminare la malattia ma di attenuala. Ne potremmo decuplicare la  quantità se non contengono disposizioni volte alla eliminazione, non serviranno! E non basta,  vi è già conflitto tra gli “esperti”: Terza Dose a tutti o agli immuno depressi? Non è facile comprendere questa frenesia vaccinifera.

Se i decessi sono stabili ma i contagi crescono il virus già ora non è mortale.Chiaro? Ripeto:se i contagi crescono ma la mortalità è minima ciò vale a dire che il virus non è mortale già in questa situazione. Quindi insistere sui vaccini in modo esclusivo addirittura esigendone l’obbligatorietà non è l’esigenza attuale fondamentale, è una tra le esigenze. Addirittura potremmo avere maggiore vaccinazione e maggiori contagi, ma scarsa mortalità. E tenuto conto che la gente si vaccinerà maggiormente, dal punto della mortalità potremmo rasserenarci. Ma se crescono i contagi fondamentali sono le cure, le Cure. Passare dalla fase acuta mortale alla fase cronica, merito dei vaccini, suppongo, ma da non insistere, perchè l’evenienza di ripetere le vaccinazioni non soltanto sarebbe vana perchè, insisto, mille vaccini non avrebbero a finalità l’annientamento del virus, ma perchè le persone perderebbero la minima fiducia residua.Immaginare una vaccinazione a mesi alternati, sfiancherebbe la gente o la renderebbe furente.

C’è il tempo dei vaccini e c’è il tempo delle cure

La gente si sta vaccinando, i decessi non si gonfiano, i contagi non mortali aumentano, curiamo, dico:curiamo questi malati non con i vaccini, chiaramente. Possiamo trovare un’intesa sensata, ragionevole se i “dati” restano quelli presenti:molti contagiati, pochi decessi? Se i decessi sono pochi adesso e le vaccinazioni continuano che c’è da gridare?Va bene, benissimo. Avremo sempre più a che fare con una malattia curabile. Se oggi, a vaccinazione non totale, i decessi sono scarsi, di che ci angosciamo? Le vaccinazioni continueranno quindi ancora meglio. Pensiamo già da ora a “curare”, perchè avremo molti contagiati non mortali. E’ questo il nuovo scenario medico-sociale. Molti contagiati, pochi decessi: se vi è una logica in questi vaccini. E pare che i vaccini abbiano una logica, fanno vivere per essere, gli individui, curati a vita. Ma, speriamo, non con i vaccini. O questi vaccini sono mirati a mantenere in vita perchè le persone siano vaccinate …a vita? Lasciamo i sospetti, pensiamo alle cure, sia con i farmaci, sia con le vecchie regole(distanziamento, non assembramenti, areazione, mani ripulte, sanificazione, maschere, voglia di vivere, che è la medicina più salutare). Se poi, i decessi aumenteranno, vuol dire che la Scienza ha non solo ingannato ma fallito. O fallito perchè ha ingannato.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *