Crosetto: non si può entrare al ristorante senza il pass ma in metro e bus sì, che senso ha?

lunedì 26 Luglio 9:32 - di Redazione
Crosetto

Guido Crosetto, in un’intervista a Repubblica, esprime le sue perplessità sull’obbligo del green pass all’italiana. Pur essendo già vaccinato con due dosi.

Crosetto: il green pass è strumento che discrimina

«Ho sempre detto che la cosa principale era consentire la ripresa delle attività economiche e che non mi sarei formalizzato, ma se il Green pass diventa uno strumento che discrimina allora non va bene. Non puoi andare al ristorante ma in bus e in metropolitana sì. Ha senso?», si chiede Crosetto.

“Anche chi è vaccinato trasmette il virus, solo il tampone ti garantisce di essere covid free”

E aggiunge: «So per conoscenze dirette che anche chi è vaccinato continua a prendere e trasmettere il Covid, quindi l’unica garanzia d’essere Covid free è il tampone. Essendo una persona razionale e senza posizioni pregiudiziali, vedo una macchina infernale che si è messa in moto e nel farlo priva la piena libertà ad alcuni cittadini. Se uno non vuole vaccinarsi come faccio a obbligarlo?». Crosetto ricorda che chi si sottopone al vaccino firma un foglio in cui si assume ogni rischio e che ci sono 2,5 milioni over 60 non vaccinati, la categoria più colpita dalla malattia e più a rischio. “Vacciniamo prima chi può farlo – dice – avendo in mente però che mancano all’appello 40 milioni di dosi”.

Crosetto: il green pass europeo era un’altra cosa

Quindi distingue, come già più volte ha spiegato Giorgia Meloni, il Green pass europeo per i viaggi nell’Ue dal pass sanitario introdotto dal governo Draghi. Una misura che “rappresenta un danno al commercio, alla libertà, ai diritti costituzionali dei cittadini”.

E infine spiega così la diffidenza di molti verso i vaccini: «Penso che tutti abbiano dei dubbi sulla velocità di approvazione del vaccino. Si è fatta di necessità virtù, comprensibile, ma i tempi dei test sono stati troppo rapidi rispetto a quelli standard. Non sopporto chi pensa che dietro al vaccino ci sia un complotto ma neanche chi considera Big Pharma un ente benefico».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *