Marocchino accoltella un 15enne sulla spiaggia libera di Ostia. “Qui ormai dormono gli immigrati”

sabato 12 Giugno 19:55 - di Guido Liberati
spiaggia ostia

Un 15enne è stato ferito con un coccio di bottiglia al braccio nel corso di una lite, intorno alle 16, scoppiata su una spiaggia libera di Ostia. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri intervenuti, il giovane stava difendendo alcune ragazze sulla spiaggia. A sferrare il colpo con il coccio di bottiglia sarebbe stato un marocchino di 25 anni, che è stato denunciato per lesioni personali e minacce. Il 15enne è stato medicato in ospedale dove ha avuto una prognosi di 15 giorni. Il giovane, che ha 15 anni, è stato raggiunto ad un braccio e ha riportato uno squarcio di una ventina di centimetri.

Sulla spiaggia di Ostia il degrado è totale

Sul posto si è precipitata una pattuglia dei carabinieri, che ha fermato lo straniero, mentre l’equipaggio di un’ambulanza Ares 118 ha soccorso il ragazzo. Accompagnato al pronto soccorso del Grassi il ferito ha ricevuto l’applicazione di diversi punti di sutura. Come riporta il sito d’informazione locale, Canale 10, “tutto sarebbe iniziato intorno alle 16,00 quando un nordafricano di quelli che bivaccano giorno e notte su quella spiaggia, evidentemente alterato dall’abuso di alcol ha iniziato a infastidire una comitiva di giovanissimi. Uno di questi ha chiesto all’uomo di smetterla ma lo straniero gli ha tirato contro una bottiglia.

Quando il giovane si è alzato dal telo sul quale era disteso, intenzionato a replicare al gesto dell’ubriaco, questi ha spaccato una bottiglia e con il collo di vetro lo ha affrontato”.

Con la giunta grillina il bivacco degli immigrati è a 5 Stelle

Non è il primo caso grave che accade sulla spiaggia libera dell’ex Ufficio tecnico, la cosiddetta Spiaggia Gialla di lungomare Paolo Toscanelli.  Il tratto di arenile libero antistante l’ex colonia Vittorio Emanuele III, ad Ostia, versa in condizioni di assoluto degrado. La giunta grillina che amministra il Municipio ha abbandonato alla più completa illegalità la spiaggia. La pandemia, inoltre, ha fatto diventare la spiaggia un bivacco per tutti gli immigrati irregolari e i fissa dimora della zona. Con la bella stagione, poi, la zona è diventata di proprietà assoluta degli sbandati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *