Imbrattata la statua di D’Annunzio a Trieste. E’ il nuovo passatempo dei cretini di sinistra (video)

sabato 15 Maggio 13:35 - di Francesco Severini
D'Annunzio statua

Prima Indro Montanelli, ora Gabriele D’Annunzio. La statua del poeta è stata imbrattata a Trieste. La foto dell’atto vandalico l’ha postata su Twitter lo storico Giordano Bruno Guerri commentando: “Due cretini hanno compiuto questa eroica impresa. L’efficiente amministrazione di Trieste sta già provvedendo alla pulizia.

Sul “Piccolo” il video dell’atto vandalico contro la statua di D’Annunzio

I carabinieri hanno il video con i due beoti e li troveranno”. Il vicesindaco della città ha confermato che le telecamere hanno ripreso il gesto compiuto dai due vandali e che presto si saprà chi sono. Il video dei due che imbrattano la statua è stato già pubblicato sul sito del quotidiano triestino Il Piccolo.

La statua di D’Annunzio fu inaugurata tra le polemiche

La statua si trova nella centrale piazza della Borsa, a Trieste. La scultura, realizzata dal bergamasco, Alessandro Verdi, raffigura il poeta pescarese a gambe accavallate seduto su di una panchina mentre è assorto nella lettura con il gomito del braccio sinistro appoggiato su di una pila di libri. Una scelta quella della Giunta di centrodestra guidata da Roberto Dipiazza di dedicare al Vate un monumento nel cuore della città che nel 2019 provocò molte polemiche, sfociando in una raccolta firme online tra detrattori e sostenitori dell’idea. A protestare, all’epoca, anche il sindaco di Fiume, per il quale D’Annunzio è il precursore dell’ideologia fascista e dunque non merita una statua.

Danneggiare le statue, un frutto malato della cancel culture

Imbrattare o danneggiare statue è uno dei frutti malati della cancel culture che sta imperversando in America e i cui cascami si manifestano anche in Europa. In Italia si è cominciato con la vernice rossa contro la statua di Indro Montanelli a Milano. Nel gennaio 2020 fu imbrattato a Pescara un murales che raffigurava D’Annunzio. I cretini di sinistra si fermeranno qui o troveranno altri monumenti sui quali esercitare la loro furia da decerebrati?

il video

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *