X

Vaccini, Fdi: allarmati dalla convocazione del generale Figliuolo al Copasir

Vaccini, Fdi in allerta per la convocazione del generale Figliuolo al Copasir. Cosa si cela dietro l’iniziativa? L’enigmatico interrogativo, in una nota congiunta a firma del senatore Franco Zaffini e dell’onorevole Marcello Gemmato, capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Sanità al Senato e alla Camera.

Vaccini, Fdi allarmato per la convocazione di Figliuolo al Copasir

«Abbiamo audito solo qualche giorno fa il Commissario Figluolo nelle Commissioni Sanità di Camera e Senato, competenti per materia. E non è emerso nulla che possa riguardare la sicurezza nazionale nella sua attività di distribuzione di

Advertising
Advertising
vaccini. Niente interferenze straniere. Nessun complotto, magari qualche ritardo o errore, ma niente altro. Perché il Copasir ha ritenuto di convocare Figliuolo di urgenza in violazione persino della legge, in assenza del plenum, dopo le dimissioni di due componenti, e della opposizione che per legge deve presiederlo? E ancora. «Cosa è successo di così grave da anteporre la sua audizione ad ogni altra, certamente più urgente su temi di prioritario interesse del Comitato e persino alla doverosa ricomposizione del Comitato secondo quanto prescrive la legge del 2007?
Advertising
Advertising

Vaccini, Fdi su Figliuolo al Copasir: «Così si crea allarme nell’opinione pubblica»

«Vi sono forse elementi ignoti che non sono stati o non possono essere messi a nostra conoscenza di tale gravità da dover essere approfonditi con tale urgenza nel Comitato?». Comitato che, prosegue la nota, «lo ricordiamo, agisce con il vincolo della segretezza, in una situazione come quella attuale di evidente “strappo” istituzionale? Siamo preoccupati – concludono Zaffini e Gemmato – perché così si crea allarme nell’opinione pubblica. Mentre in questo momento dovremmo tutti agire con la massima responsabilità per dare fiducia e serenità tanto più su questa materia. Se poi vi sono questioni di altra natura, sarà la magistratura a intervenire».

 

Advertising
Advertising