Trump, fallito l’impeachment i dem ci riprovano con i giudici. Come la sinistra in Italia

venerdì 5 Marzo 18:23 - di Roberto Frulli
Trump

Fallito il misero tentativo di sfregiare l’ex-presidente statunitense Donald Trump con l’impeachment i dem Usa ci riprovano attraverso i giudici. Proprio come fa abitualmente la sinistra in Italia. Che invece di battere gli avversari politici nelle urne cerca di farli perseguire dalla magistratura.

Una concezione vetero-stalinista.

Da questo punto di vista va letta l’iniziativa del deputato democratico Eric Swalwell. Che è stato uno dei manager del processo di impeachment contro Donald Trump.

Ora Swalwell accusa l’ex-presidente, il figlio maggiore, Rudy Giuliani ed altri di aver incitato l’attacco contro il Congresso del 6 gennaio scorso.

“Gli orribili fatti del 6 gennaio sono una diretta e prevedibile conseguenza delle loro azioni illecite”, si afferma nel ricorso di 65 pagine in cui Trump e gli altri oratori del comizio svolto poco prima dell’assalto vengono accusati di incitamento alla violenza.

“Per questo sono da considerarsi responsabili delle vittime e dei danni provocati”, conclude il ricorso. Che chiede risarcimenti non specificati e che il Tribunale imponga che Trump e gli altri comunichino con almeno una settimana di anticipo l’organizzazione di altri eventuali rally.

E’ la seconda causa civile intentata da un politico democratico contro Trump per l’assalto al Congresso.

La precedente è firmata da Bennie Thompson. Che, insieme alla Naacp, accusa l’ex-presidente Trump e le milizie di estrema destra Proud Boys e Oath Keepers di aver violato il cosiddetto Ku Klux Klan Act, una legge che risale agli anni della ricostruzione dopo la guerra civile americana per proteggere sia gli ex-schiavi afroamericani che i deputati del Congresso dalla violenza dei suprematisti bianchi.

Inoltre Trump è stato messo sotto inchiesta in Georgia con l’accusa di aver esercitato pressioni che avrebbe esercitato sui vertici repubblicani dello Stato a cui, sostiene l’accusa, avrebbe chiesto di rovesciare i risultati elettorali.

E anche nello Stato di New York la Trump Organization è al centro di un’inchiesta per presunti crimini finanziari.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ADRIANO AGOSTINI 6 Marzo 2021

    Tutti quelli che inneggiano per Biden non hanno capito che con Trump il mondo ha passato cinque anni di pace senza guerre mondiali evitate saggiamente da Trump che ha evitato una guerra nucleare con la Corea del Nord, un conflitto mondiale tra mondo islamico e mondo occidentale portando via i soldati dalla Siria, eliminando Sulemaini che aveva progettato un attacco mortale alle ambasciate USA in Iran e in Iraq, cosa che avrebbe procurato sicuramente un intervento USA e quindi una terza guerra mondiale e per ultimo il riavvicinamento tra Israele e gli Emirati Arabi restaurando, udite udite, i voli aerei tra i due stati. E Biden? Nel perfetto stile guerrafondaio dei “democratici” la prima cosa che ha fatto è tornato con i militari in Siria per combattere gli sciiti iraniani e ha preso di nuovo le distanze da Putin.
    Perché queste cose non vengono dette e scritte a caratteri cubitali?

  • Carlo Cervini 6 Marzo 2021

    E’ normale, hanno gli stessi cromosomi dei nostri comunisti giacobini che utilizzano Don Rodrigo Magistratura per distruggere gli avversari che temono……….e la chiamano Democrazia……………si…….. Sovietica/Stalinista.
    E se non funziona la Magistratura usano Don Rodrigo Fisco, le leggine ad hoc e i media, TV e giornali, li controllano tutti e ne dispongono a volontà.
    Gravissimo è che il centrodestra subisca supinamente da anni questo scempio senza reagire.

  • Sostienici

    In evidenza

    News dalla politica

    Array ( [0] => ppm-bundle )
    Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )