Enrico Bartolini – Mudec – Milano

sabato 6 Marzo 0:01 - di Redazione

Enrico Bartolini – Mudec
Via Tortona, 56 – 20144 Milano
Tel. 02/84293701
Sito Internet: www.enricobartolini.net

Tipologia: ricercata
Prezzi: menù degustazione “Top Ten” da 10 portate 250€, 3 piatti a scelta dal menù 160€, 4 piatti a scelta 180€, solo a pranzo 2 piatti a scelta+2 calici di vino in abbinamento 150€
Giorno di chiusura: Domenica; Lunedì a pranzo

OFFERTA
Conferma di voto per questo ristorante capitanato da Enrico Bartolini che, oltre ad essere un bravo chef, è anche un abile imprenditore, visti gli altri numerosi ristoranti di sua proprietà presenti in Italia. La cifra stilistica della sua cucina mette la creatività sempre al servizio della tradizione, punto di partenza imprescindibile e da interpretare in maniera moderna e a volte anche provocatoria, come nei bottoni di pasta fresca ripieni di olio e lime con sopra una fettina sottile di polpo e salsa di caciucco a completare il tutto: un piatto dal sapore intenso e persistente. Andando per ordine, abbiamo iniziato con un gradevole aperitivo gentilmente offerto composto da un panino al vapore ripieno di verdure da intingere in una coppetta con olio toscano e salsa alla puttanesca, da un croccante disco nero di riso Venere con salsa allo zafferano e cubetto di parmigiano avvolto nella foglia d’oro, dichiarato omaggio a Gualtiero Marchesi, da una deliziosa melanzana ricomposta accompagnata da uno scampo crudo con caviale asetra su salsa al pompelmo e da una caramella con sfoglia di cipolla ripiena di foie gras. A seguire un amuse bouche di spuma di patate con gamberi crudi e porcini sul fondo, con uova di salmone e salsa al rafano a dare una leggera piccantezza e balsamicità, a cui è seguito il nostro antipasto: delle sontuose ostriche del Delta del Po servite crude su alici in saor, caviale e fiori eduli. Ottimo lo spaghettone con anguilla affumicata, le cui carni sono state ingentilite e sapientemente esaltate dall’abbinamento con le more (a dare acidità) e con la salsa all’alloro e calamaretti a spillo; sopra al piatto delle morbidissime polpettine di prezzemolo e anguilla leggermente dorate per un “total green” bello anche a vedersi, oltre che buono da mangiare. In chiusura un dolce perfetto nelle sue singole componenti – classico zabaione, gelato al pistacchio, madeleine e arancio candito – ma che nell’insieme non era armonico a nostro avviso, privo di un gioco di contrasti e con lo zabaione a coprire il tutto. Eccellente il caffè, perfettamente estratto e con una crema color mogano densa e persistente, così come il sapore.

AMBIENTE
Posto al terzo piano del Mudec, il ristorante si compone di un’unica sala molto ampia e con i tavoli ben distanziati e apparecchiati.

SERVIZIO
Professionale e cortese.

Recensione a cura di: Milano de La Pecora Nera – ed. 2020 – www.lapecoranera.net

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica