Il Tar dà ragione a FdI sul piano segreto del governo contro il Covid. “E ora smascheriamoli” (video)

venerdì 22 Gennaio 20:48 - di Penelope Corrado
Tar segreti governo

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso presentato da Fratelli d’Italia per ottenere i documenti sul piano segreto del governo contro la pandemia. Piano che «il governo voleva tenere nascosti. Una sentenza importantissima che farà finalmente emergere la verità e le varie responsabilità sulla mancata preparazione dell’Italia ad affrontare l’emergenza Covid. Ascoltate il deputato di Fdi, Galeazzo Bignami». Così Giorgia Meloni, sulla sua pagina Facebook.

 

La soddisfazione di Galeazzo Bignami

Una decisione del Tar del Lazio dà ragione a Fdi che aveva richiesto al governo, senza ottenerlo, il piano ‘segreto’ contro la pandemia di cui molto si è parlato in questi mesi. “Gli effetti della sentenza del Tar del Lazio sul ricorso presentato da Fratelli d’Italia circa il ‘Piano nazionale emergenza’dice il deputato Fdi Galeazzo Bignami – sono importantissimi”.

Sul piano segreto il Tar impone trasparenza

“Intanto -precisa- i Giudici dicono chiaro e tondo che il Ministero, tramite l’Avvocatura di Stato, ha di fatto mentito quando diceva che non c’era alcun piano di contrasto alla pandemia a gennaio. Il Piano c’era e risaliva a ben prima del paziente 1 e della prima zona rossa. Il Governo consapevolmente lo ha nascosto e taciuto. Perché? Le conseguenze di questa scelta sono state drammatiche. Ad esempio le comunità locali, non avendo notizia di quel piano, hanno organizzato iniziative come Bergamo non si ferma, Milano non si ferma e così via che hanno avuto un effetto amplificatore nella diffusione”.

“Il tutto violando la regolamentazione sanitaria internazionale che impone invece piena trasparenza, quella che il Governo non ha avuto ed ora è certificato da una Sentenza. Ora -conclude- vogliamo vedere questo documento perché siamo certi che li scopriremo molte cose e capiremo perché il Governo negava l’esistenza di questo documento”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *