Genova, immigrato si finge medico e abusa di una paziente sotto anestesia nell’ospedale di Lavagna

lunedì 21 Settembre 8:46 - di Edoardo Valci
Genova

I carabinieri di Lavagna (Genova) hanno arrestato per il reato di violenza sessuale un immigrato peruviano ventiseienne, residente nel Tigullio. I fatti contestati risalgono ai primi giorni di settembre. Il giovane svolge il lavoro di “ausiliario” all’ospedale di Lavagna per conto di una ditta esterna. Ha mansioni di consegna del vitto e assistenza agli infermieri. Ora deve rispondere a un’accusa pesanta. Quella cioè di aver approfittato di una paziente, appena uscita dalla sala operatoria per un intervento di routine. L’avrebbe molestata non appena trasferita nella camera di degenza, mentre si trovava ancora sotto l’effetto dell’anestesia.

Genova, il racconto della paziente

I medici hanno avuto sospetti quando la paziente ha riferito di essere stata sottoposta a una vista ginecologica immediatamente dopo l’intervento chirurgico. A quel punto i carabinieri hanno attivato la procedura prevista per i casi di “codice rosso” e hanno avviato una delicata attività di indagine per il reato di violenza sessuale. Proprio per questo hnno raccolto le testimonianze della vittima e di tutte le persone del reparto.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica