Caso Occhionero: grillini muti, la Boschi non risponde al Secolo d’Italia. Omertà, omertà

martedì 5 novembre 16:53 - di Francesco Storace

Tutti zitti, grillini, Boschi, nessuno parla.

Eppure Giusy Occhionero è interrogata dalla Procura di Palermo. La storiella del suo assistente Antonello Nicosia arrestato per mafia la deve spiegare bene, ci sono troppe incongruenze. E un parlamentare, anche se di sinistra, non può rifugiarsi agevolmente in calcio d’angolo. Può anche salvarsi dalle indagini, ma la deputata eletta con Leu e poi approdata a Italia Viva, deve chiarire come ha scelto quel tizio, chi glielo ha suggerito.

Politicamente, ci sono però anche altri lati oscuri. E’ curioso, stravagante, bizzarro, il silenzio dei Cinquestelle sulla Occhionero. Omertà, omertà, pare di capire, dal momento che non pronunciano mai la parola Occhionero e in due o tre note di ieri hanno solo sottolineato – Di Maio dalla Cina compreso – che Nicosia era membro dei radicali italiani. Ma che la deputata fosse iscritta al gruppo parlamentare di Renzi, no. Non sia mai a Rignano dovessero offendersi.

“L’onorevole Boschi è impegnata tutto il giorno”

E poi la Boschi, che di Italia Viva a Montecitorio è capogruppo. A lei abbiamo chiesto di poter formulare alcune domande su questa vicenda che riguarda una parlamentare che è arrivata a infoltire le truppe del suo partito alla Camera. Ma la capogruppo renziana non fa sfoggio di trasparenza e svicola via. Parliamo con un suo collaboratore cortesissimo che ci dà l’indirizzo e-mail a cui scrivere le domande per l’intervista. E dopo qualche ora riceviamo la telefonata di una addetta stampa che dice “l’onorevole non può, è impegnata tutto il giorno”. Poverina, non è una priorità per Italia Viva parlare di mafia. Tacciono.

Chi ha trattato con la Occhionero? Vietato saperlo

Ci sarebbe piaciuto, ad esempio, sapere chi ha stabilito il contatto tra Italia Viva e la Occhionero, chi ha trattato per il suo ingresso nel partito. Oppure, se le intercettazioni apprese dai giornali sono da considerarsi inquietanti, aldilà del profilo penale, che non è detto debba essere riscontrato. E se avessero intenzione di sospendere dal gruppo una deputata che sceglie con tanta superficialità il suo assistente parlamentare.

Infine, avremmo dato notizia con piacere della posizione di un partito appena nato sul 41-bis in carcere. In fondo, non è proprio un argomento da prendere sottogamba. Ma l’onorevole “non può rispondere”, è impegnata tutto il giorno. Anche domattina? Clic.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • federico barbarossa 6 novembre 2019

    dove esiste il PCI>>>>>PD, c’è MAFIA. LeU+PD hanno bisogno della MAFIA per gestire i loro loschi traffici

  • Carlo 5 novembre 2019

    Questa sinistra che governa fa schifo in tutto speriamo che presto questi schifosi che rompono le valle

    Questa sinistra che ci governa fa schifo in tutto con in testa il comunista PD

  • In evidenza