La Siria accusa: Israele ci bombarda ma abbiamo abbattuto un loro aereo

venerdì 30 novembre 15:03 - di Giovanni Trotta

La Siria ha denunciato nelle ultime ore una nuova aggressione e ha rivendicato come la difesa aerea abbia intercettato e abbattuto “obiettivi ostili” nei cieli della regione di al-Kiswah, a sud di Damasco, ad appena 50 km dal confine con Israele. Secondo l’agenzia di stampa russa Ria, che ha citato una fonte della sicurezza siriana, sono stati abbattuti un caccia israeliano e quattro missili. I militari israeliani hanno subito smentito ogni notizia in tal senso. Stando alla tv satellitare al-Arabiya, di proprietà saudita, i caccia israeliani hanno attaccato postazioni militari iraniane nel sud del Paese arabo. Secondo fonti dell’opposizione in Siria nell’area ci sono diverse basi del movimento sciita libanese Hezbollah (storicamente sostenuto dall’Iran), che ha inviato i suoi miliziani a combattere nel Paese arabo al fianco delle forze di Damasco. Gli “attivisti”  hanno riferito di bombardamenti, attribuiti a jet israeliani, contro diverse aree nei pressi di Damasco e nel sud della Siria. “Le forze israeliane hanno bombardato per un’ora obiettivi nel sud e nei sobborghi sudoccidentali di Damasco così come nel sud della Siria al confine con la provincia di Quneitra”, si legge sul sito web dell’Osservatorio. I militari israeliani hanno confermato il lancio di un missile terra-aria contro le Alture del Golan e precisato che “sono false le notizie secondo cui sono stati colpiti un velivolo israeliano o un obiettivo israeliano”. Come riporta l’agenzia di stampa Dpa, sospetti missili israeliani hanno colpito un deposito di armi dei Guardiani della Rivoluzione iraniani e degli alleati di Hezbollah nella zona di Jabal al-Manaa, nei pressi di Damasco. Gli attivisti non danno notizie di vittime. Obiettivi iraniani e siriani in Siria sono stati spesso colpiti dallo scorso aprile. Inoltre si apprende che sono più di trenta i civili uccisi in un raid aereo condotto dalla coalizione militare internazionale a guida Usa contro il sedicente Stato Islamico (Isis) nella provincia di Deir Ezzor. Lo riporta la televisione di Stato siriana. Solo due giorni fa i media avevano accusato la coalizione guidata dagli Stati Uniti di aver ucciso almeno sei civili in un raid sulla città di Hajin nella provincia di Deir Ezzor.

Commenti
Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica