Il governo non si improvvisa

venerdì 9 Dicembre 20:32 - di

La banalità secondo la quale se uno è professore ne sa più degli altri, è da sempre stato considerato un indice dell’arretratezza paesana. Non a caso, dove l’istruzione è un bene scarso, chi si dà arie da esperto viene soprannominato “il professore”. Si dice anche di chi ostenta arrogante prosopopea e fa il saccente, che “fa il professore”. Il partito del Corsera ha abilmente convinto buona parte degli italiani che i politici sono tutti parassiti ignoranti fannulloni e incapaci e che solo una squadra di esperti e tecnici ci potesse salvare. Tecnico non vuol dire esperto. Un tecnico sta a un politico (uno bravo, si intende) come un idraulico sta a un ingegnere. Persino per governare, insomma, ci vuole mestiere. O almeno l’esperienza e la comprensione di meccanismi complessi. Un contabile non fa lo stesso lavoro dell’imprenditore che, ovviamente, ha bisogno del contabile per fare i conti. L’idea – che riemerge in alcune fasi storiche di crisi – che a governare non debbano essere i politici bensì categorie più nobili e illuminate (i filosofi, i poeti, i preti, i militari, gli scienziati…) ha avuto riscontri positivi solo nei romanzi di fantascienza. Un professore di scienze politiche non è mai stato un buon politico. Un riccone americano che aveva dedicato al lavoro tutta la vita disse: “Se gli economisti delle università sono così bravi, perché non sono più ricchi di me?”. La saggezza popolare dice: “Chi sa fa, chi non sa insegna”.

Commenti