L’Atac lascia gli autisti senza mascherine, la denuncia di Ghera e Colosimo (FdI). «Raggi impegnata a fare altro…»

«Perdura il ritardo dell’Atac nel fornire ai conducenti ed al personale viaggiante Dispositivi di Protezione Individuale adeguati ed in quantità sufficiente. Atac s’è mossa tardi e male, così  soltanto un mese fa sono state distribuite mascherine sbagliate:di misura unica, troppo piccole per gli adulti, fatte con stoffa non tecnica, di fatto impossibili ed inutili da indossare». Lo denunciano in un comunicato Fabrizio Ghera, capogruppo di Fdi alla Regione Lazio e Chiara Colosimo, consigliere Regionale di Fdi alla Regione Lazio.

Una situazione imbarazzante e grave, denuncia Fdi: «Ad oggi, nonostante i ripetuti annunci, ancora non vengono consegnate le mascherine lavabili: quelle che possono essere usate per più ore. Questa inadempienza è ingiustificabile; considerando che i dipendenti dell’azienda di trasporto capitolina rientrano in quelle poche categorie di lavoratori che hanno continuato a prestare servizio sempre durante il fermo delle attività imposte dall’emergenza Covid19. C’era tutto il tempo – proseguono gli esponenti di FdI – per procurare e distribuire materiale di protezione ed igienizzanti. Magari sarebbero arrivati se il sindaco Raggi si fosse attivato per garantire le protezioni  a uomini e donne della municipalizzata esposti più di altri al rischio di contrarre il virus. Ma il primo cittadino è impegnato a fare in nomine e tessere alleanze e neanche l’assessore ai Trasporti ha mosso un dito. Così  si è giunti quasi a fine epidemia e solo in un impianto, venerdì scorso, sono arrivati alcuni pacchi di mascherine chirurgiche. Troppo tardi, troppo poco».

 

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica