Roma, i nomadi si fingevano sordomuti per rubare la beneficenza: beccati al centro commerciale

26 Giu 2022 13:52 - di Redazione
Roma

Si fingevano sordomuti per tentare di truffare i malcapitati, perlopiù anziani, nei pressi di un centro commerciale di Roma. Per questo, come ricostruisce il Messaggero, cinque romeni di etnia rom, specialisti della truffa dei finti sordomuti, sono stati smascherati e fermati. I cinque, riporta il quotidiano, si fingevano sordomuti «appartenenti a una associazione benefica, mostrando tanto di depliant con simboli taroccati e per rendersi ancora più credibili agli occhi delle potenziali vittime della truffa, soprattutto anziani, gesticolavano scimmiottando una fantomatica lingua dei segni». Ma dopo alcune segnalazioni sono stati fermati dalla polizia.

Roma, si fingono sordomuti: beccati

Gli agenti, riporta il quotidiano, hanno individuato nella zona l’auto con i cinque a bordo. Poi li hanno seguiti fino nei pressi del centro commerciale e li hanno osservati mentre agganciavo le vittime.

I cinque chiedevano a gesti di firmare un foglio e fare una donazione nel salvadanaio camuffato con i simboli dell’associazione, poi ringraziamento.  Dopo che sono risaliti in auto sono stati bloccati dai poliziotti che hanno anche perquisito la loro vettura.

In auto nascondevano 900 euro

Al suo interno hanno trovato nascosti circa 900 euro in contanti. La gang, si legge sul quotidiano romano,  potrebbe fare parte di una banda composta da più elementi che, con lo «stesso stratagemma, imperversa dal Nord al Sud dell’Italia, collezionando denunce e Daspo che non hanno – almeno per ora – altro effetto che spostare le loro incursioni di zona in zona».

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA