Meloni ricorda Giorgio Almirante: “A 34 anni dalla morte, la destra italiana non dimentica” (video)

22 Mag 2022 20:16 - di Carlo Marini
Giorgio Almirante, intervista
«A 34 anni dalla morte di Giorgio Almirante ricordiamo un uomo coraggioso, onesto, rispettato e stimato dagli amici ma anche dai suoi avversari. Un grande politico che ha saputo trasmettere alle successive generazioni idee, valori, tradizioni e un infinito amore per la nostra Nazione. La destra italiana non dimentica». Così la presidente di FdI, Giorgia Meloni sui Social ricordando lo storico leader politico.

La storica intervista a Giovanni Minoli

Il miglior modo per ricordare Almirante, nell’epoca dei social, arriva da Youtube, dove è possibile ripescare questa intervista in due parti al Giovanni Minoli per la trasmissione Mixer, su Raidue. Il segretario del Msi fornisce alcune risposte emblematiche del suo stile. Asciutte, ironiche, profonde. Definisce Pinochet “un dittatore”, racconta della sua conversazione telefonica con Mussolini, del suo valore principale di riferimento: la libertà. Una intervista tutta da vedere, di clamorosa attualità, a quasi 40 anni dalla sua messa in onda.

 

Intervista al segretario del Msi Giorgio Almirante, seconda parte

 

L’omaggio di Napolitano nel centenario della nascita

Questo il testo del messaggio dell’allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano nel centenario della nascita di Almirante. «Il Parlamento è stato il luogo in cui si è svolta la parte prevalente della lunga attività politica di Almirante, per l’intero arco delle prime dieci legislature repubblicane. Egli fu sempre consapevole che solo attraverso il riconoscimento dell’istituzione parlamentare e la concreta partecipazione ai suoi lavori, pur da una posizione di radicale opposizione, rispetto ai governi, la forza politica da lui guidata avrebbe potuto trovare una piena legittimazione nel sistema democratico nato dalla Costituzione. In questo quadro – continua Napolitano – egli ha avuto il merito di contrastare impulsi e comportamenti antiparlamentari che tendevano periodicamente ad emergere, dimostrando un convinto rispetto per le istituzioni repubblicane, che in Parlamento si esprimeva attraverso uno stile oratorio efficace e privo di eccessi anche se aspro nei toni. Giorgio Almirante è stato espressione di una generazione di leader di partito che, pur da posizioni ideologiche profondamente diverse, hanno saputo confrontarsi mantenendo un reciproco rispetto, a dimostrazione di un superiore senso dello Stato che ancora oggi rappresenta un esempio».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA