Armi alla Colombia, la mediazione di D’Alema finisce in Parlamento. Indaga anche la Procura (audio)

mercoledì 23 Marzo 9:35 - di Penelope Corrado
armi Colombia

La Procura di Napoli ha aperto un’inchiesta sull’intermediazione per la vendita alla Colombia di armi (navi, sommergibili e aerei militari) prodotte da Fincantieri e Leonardo che ha visto all’opera, come facilitatore l’ex presidente del Consiglio, Massimo D’Alema. Ne dà notizia il Corriere della Sera.

L’attività è partita dopo un esposto presentato dall’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (APM) che ha sede a Napoli riguardante Emanuele Caruso e altre persone che sarebbero invece coinvolte come sedicenti intermediatori del Governo italiano nel Paese sudamericano attraverso documenti falsi. La pubblicazione della falsa documentazione ha spinto l’APM a prendere le distanze, con una denuncia, da Emanuele Caruso il quale, con un altra persona, Francesco Amato, promuove progetti per un’organizzazione, la Cooperation America Latina. L’ufficio inquirente partenopeo ipotizza nei confronti degli indagati falso, truffa e sostituzione di persona.

L’audio di D’Alema sugli 80 milioni in ballo

Il caso Colombia è scoppiato il 28 gennaio prima sul sito Sassate.it, poi su La Verità che ha ipotizzato una trattativa andata avanti in modo parallelo, rispetto a quella lineare tra governi. In particolare tra D’Alema, rappresentato dallo studio Robert Allen di Miami, un gruppo colombiano ed esponenti delle aziende finché lo ha scoperto il sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè che avrebbe fatto saltare tutto. In un audio rubato nel corso della trattativa si sente la voce di D’Alema rassicurare l’interlocutore colombiano: «E stupido creare problemi. Siamo convinti che riceveremo 80 milioni, questa è la posta in gioco». L’ex premier ha assicurato: «Non avrei guadagnato un euro anche se fosse andata bene». Ma se l’indagine si estenderà a quei colloqui, il fascicolo dovrà essere trasmesso a Roma per competenza.

Armi alla Colombia, Gasparri ottiene l’intervento della Commissione Difesa

In queste ore, la presidenza del Senato ha dato il via libera alle audizioni per chiarire l’intrigo della trattativa per la vendita di armi alla Marina militare colombiana che vede tra i protagonisti Massimo D’Alema. «I rappresentanti delle istituzioni coinvolte verranno convocati tutti in commissione Difesa del Senato, compreso l’ad di Leonardo Alessandro Profumo». Così Maurizio Gasparri a La Verità. Il senatore di Forza Italia aveva chiesto al presidente Roberta Pinotti di avviare un’istruttoria sui fatti. «Questa vicenda, visto che le Procure al momento non se ne occupano, non può essere trattata soltanto dal vostro giornale e da qualche programma televisivo». Si partirà con la convocazione di Profumo? «Io chiederò di sentirlo, perché sono uscite fuori email, carteggi, pranzi al ristorante, ma non spetta a me stilare la scaletta. Io leggendo le vostre inchieste mi sono chiesto se può ancora rimanere in quell’incarico con i gravi dubbi che gravano sul suo operato, ma anche che cosa sa della vicenda Colombia. E soprattutto quali sono stati i suoi rapporti con D’Alema».

Meloni: “Una vicenda dai contorni sempre più oscuri”

Sul caso che imbarazza la sinistra, ieri è intervenuta con un post anche Giorgia Meloni. «Se quanto ricostruito in questo servizio fosse vero – scrive la leader di FdI – lo riterrei gravissimo. Con quale autorità o ruolo l’ex Premier D’Alema ha avuto la possibilità di entrare nelle dinamiche delle trattative tra Italia e Sud America? Questa vicenda, dai contorni sempre più oscuri, dovrebbe occupare prime pagine e trasmissioni, eppure – inspiegabilmente – viene appena citata dai grandi media».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *