La nonna di Eitan: “Tratterremo il bambino in Israele con ogni mezzo, lo abbiamo già iscritto a scuola”

lunedì 20 Settembre 19:47 - di Lucio Meo

”Ci stiamo preparando ad adottare tutti i mezzi necessari perché Eitan resti in Israele”, possa ”frequentare una scuola israeliana”, crescere ”in un ambiente israeliano e con una famiglia calorosa e amorevole che conosce dalla nascita’‘. Così la nonna materna dell’unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, Esther (Etty) Peleg, in un’intervista alla televisione israeliana N12. “Al momento trascorre solo del tempo con la sua famiglia, abbiamo preparato la cena di Shabbat insieme ed è avvolto dall’amore e dalla gioia”, ha detto la donna.

Eitan avrebbe dovuto iniziare la scuola in Italia, ma…

Eitan avrebbe dovuto iniziare la prima elementare in Italia, ma la nonna materna ha spiegato che “abbiamo ottenuto un permesso dal comune di Tel Aviv per iscriverlo alla scuola ‘Arazim’, tutti lo stanno aspettando”. Sulla battaglia legale per la custodia del nipote, Etty Peleg dice di augurarsi “che alla fine i tribunali israeliani capiscano ciò che è il bene di Eitan”. E si dice disposta a concedere a Eitan il permesso di incontrare la zia paterna, Aya, giunta ieri in Israele. ”Sia che si tratti di una decisione del tribunale, sia che lo voglia Eitan”, ha detto. La donna ha quindi respinto le accuse di aver fatto un ‘‘lavaggio del cervello” al piccolo.

”Questa è una sciocchezza. Dal momento in cui è tornato qui è insolitamente felice. Questo è il suo mondo da 6 anni. Altrimenti perché i suoi genitori venivano tanto qui?”, prosegue la nonna, descrivendo la sua come una ”famiglia calorosa e amorevole, rispetto alla famiglia in Italia che lo incontrava al massimo una volta alla settimana. C’erano anche mesi interi in cui le famiglie non si incontravano”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *