Selvaggia Lucarelli si scaglia contro i tassisti romani: “Ho vissuto un’avventura incredibile” (video)

mercoledì 9 Giugno 17:26 - di Monica Pucci

“Parliamo del tema taxi a Roma e relativo far west. Questo è un bel tema che nessun candidato sindaco ha mai voglia di cavalcare perché scomodo”. Ad affermarlo è Selvaggia Lucarelli che, in un post su Facebook, racconta l’avventura su un taxi della Capitale denunciando una situazione “imbarazzante, impietosa, intollerabile”.

Lucarelli contro i tassisti romani: c’è anche un video

“Giovedì sera, a Roma. Finisco di cenare con un mio amico a Ponte Milvio e prima del coprifuoco chiamo un taxi al 3570 -racconta la giornalista, che al post unisce un video che documenta alcuni passaggi della corsa- Arriva un signore di mezza età a cui do un indirizzo preciso sulla Colombo, hotel Caravel. Ha un navigatore che emette un suono ogni volta che supera la velocità consentita, è un continuo Bip bip bip. Corre, parla da solo, insulta altri automobilisti, passa sulle strisce senza dare precedenza a due persone con la bicicletta davanti a Castel Sant’Angelo”.

A quel punto “mando messaggi preoccupati agli amici, chiamo il mio fidanzato -prosegue Lucarelli- Finalmente sulla Colombo entra in una piazzola con una pompa di benzina. Sono perplessa. Gli dico: perché si ferma qui? Lui: ah non è qui? Me so’ sbajato allora! Gli ripeto il civico spiegando che come gli avevo già detto è un hotel. Per la cronaca l’hotel era proprio dall’altra parte della Colombo. Perdiamo un altro po’ di tempo e arriviamo. Tiro un sospiro di sollievo”.

La trattativa sul prezzo e le commissioni da pagare

Arriva poi il momento del pagamento. “Gli do la carta, sono 36 euro -scrive Selvaggia- Mentre tira fuori il pos sono 36,60. Mi dà il pos per digitare il pin e leggo 38 euro. Gli chiedo perché 38 se sono 36. Lui risponde: la valigia! Io so bene che a Roma una valigia è gratis, dalla seconda valigia in poi si paga 1 euro a valigia. (altra cosa assurda ma vabbè). Lui allora capisce che conosco le regole e tira fuori il tema commissioni. ‘Te devo pagá io la transazione col pos!’. Cioè, una roba imbarazzante, pietosa, intollerabile”, sottolinea la giornalista.

Che aggiunge: “Sono anni che denunciò questa situazione e aggiungo che i messaggi che mi sono arrivati in questi giorni sui taxi hanno del preoccupante. Donne su donne che mi raccontano aneddoti inquietanti, tassisti che alzano la voce, insultano, minacciano. Che se non hai contanti ti obbligano a prelevare. Li pubblicherò tutti”.

“Ora la domanda è: quando accadrà che la parte buona della categoria si farà sentire? -affonda Lucarelli- Perché esiste, certo, ma dovrebbe essere la prima a protestare contro le mele marce. Che non sono poche, ma un discreto cesto. Io dal canto mio posso dire che l’unica arma che abbiamo è non prendere mai taxi che non abbiano il pos. Ripeto, mai”, conclude.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *