Discoteche aperte, ma senza ballare: è rivolta. Il Piper: «Ormai si rasenta l’idiozia»

28 Mag 2021 20:34 - di Gigliola Bardi
discoteche aperte

L’ipotesi di tenere aperte le discoteche solo per i servizi di bar e ristorazione e senza la possibilità di ballare ha provocato una rivolta nel settore, che chiede di poter tornare a lavorare, rivendicando di poterlo fare in sicurezza. «Sarebbe come andare al ristorante e non poter mangiare o andare in chiesa e non poter pregare», ha commentato Giancarlino Bornigia, socio della storica discoteca romana Piper e delegato per il lazio di Assointrattenimento, che riunisce un migliaio di locali notturni in tutta Italia.

Il Piper: «Norme che rasentano l’idiozia»

Per Bornigia l’unico risultato della misura è «mettere in ulteriore difficoltà gli imprenditori con norme che rasentano l’idiozia, come la concessione di ballo ai matrimoni, ma solo se per non più di 15 minuti». «Il governo attuale è peggiore del precedente. Procede come un panzer senza consultare le associazioni di categoria, lavorando sottobosco e poi emettendo decreti legge», ha quindi commentato l’imprenditore, spiegando di confidare «nel pass verde» e annunciando che «se non sarà consentito il ballo o sarà imposto l’uso delle mascherine e del distanziamento, non riapriremo».

«Da noi assembramenti controllati, in strada invece…»

È stato poi il presidente nazionale di Assointrattenimento, Luciano Zanchi, anche lui parlando con l’Adnkronos, a sottolineare che «noi sappiamo perfettamente che il nostro lavoro, quello delle discoteche e sale da ballo, è necessariamente produttivo di assembramenti che però, grazie alla professionalità dei gestori, potrebbero certamente avere luogo in maniera controllata». «Stiamo parlando di un assembramento controllato, a differenza – ha sottolineato – di quello a cui abbiamo assistito negli ultimi 15 mesi che avviene nelle pubbliche vie, nelle piazze, nei bar e nei ristoranti».

Discoteche aperte senza ballare? «Così si snaturano»

Per il Silb, Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento di Ballo e di Spettacolo, «è una situazione accettabile se momentanea, perché con la sola ristorazione e bar si snatura la reale funzione della discoteca: socialità e divertimento». «Le discoteche – ha ricordato il presidente Maurizio Pasca – sono chiuse da 15 mesi e i ristori sono stati ben poca cosa rispetto ad altre attività che hanno ricevuto di più.  E poi tante altre attività del Paese hanno già riaperto con l’esclusione delle discoteche, che sono in grande, grandissima sofferenza». «Poi bisogna tenere presente che l’80% dei locali da ballo ha una capienza tra i 200 e i 300 posti: se il problema è l’assembramento ne ho visti in altri luoghi, quotidianamente», ha proseguito Pasca, ricordando che «parliamo di 100mila lavoratori senza stipendio».

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA