7Colli: “Enrico Pazzali, due poltrone per due natiche. Il manager e quel silenzio ipocrita”

giovedì 12 dicembre 11:04 - di Redazione
Pazzali

«Ma quante poltrone deve occupare con due sole natiche Enrico Pazzali? Al cittadino comune questo nome dirà poco. Ma in realtà parliamo di un importante manager sulle cui incompatibilità sostanziali è calato un silenzio ipocrita». È quanto si legge sulla pagina facebook 7Colli. «Parliamo dell’amministratore delegato dell’Ente Eur spa, che non è proprio l’ultimo quanto a interessi da gestire». Basti pensare «alla sola convegnistica di tipo congressuale, agli eventi, ai palazzi che li ospitano. A tutto quello che ruota attorno al prestigioso quartiere di Roma».

La posizione di Pazzali

«Ebbene, nel mutismo generale – unica eccezione quella di Rosario Cerra, presidente del Centro economia digitale e promotore dell’iniziativa Capitale Italia – Pazzali è stato nominato da qualche mese anche presidente della Fondazione Fiera di Milano».

7Colli: “Posizioni inconciliabili”

«Mesi dopo – si legge sempre su 7Colli – sta ancora in entrambe le posizioni. Che sono evidentemente inconciliabili, perché parliamo della tutela di interessi economici in concorrenza evidente».

I doveri verso la Capitale

«La politica non deve continuare a stare zitta. Perché non solo si evita di fare il proprio dovere verso la Capitale omettendo di dotarla di poteri e risorse degni del suo ruolo rispetto alle altre capitali europee. Ma addirittura si tollera che sia occupata nelle sue postazioni istituzionali da chi ci sta a mezzo servizio con Milano.
Due chiappe, due poltrone, dottor Pazzali: ci starà pure comodo ma ci si perde. E soprattutto ci perde Roma. Si accomodi pure su quella meneghina. Ma la nostra città ha bisogno di persone che facciano incetta di seggiole per sé. Almeno la politica romana pretenda rispetto per la Capitale».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Simone 12 dicembre 2019

    Questo non molla neanche di fronte alla vergogna!
    Ma chi dovrebbe giustamente cacciarlo dov’é?

  • In evidenza