Giu 13 2019

Francesco Storace @ 11:45

Al Roma pride mirano sui poliziotti e la senatrice Cirinnà si gode lo spettacolo

Complimenti, senatrice Cirinnà. Monica la rossa era da qualche tempo in ombra e ha deciso di rimettersi in modalità asilo, perché a lei piace tanto così. Gira sulla rete la foto che pubblichiamo da Facebook con la compagna madame ben retribuita che si diverte a sfottere la polizia.
Al Roma pride era in scena la fantasia più sfrenata, ma questa ci mancava. La maglietta modello Polizia con la scritta “Froceria di Stato”. E chissà perché, se ce l’hai con Salvini – l’obiettivo della varie manifestazioni  – avverti il bisogno di fare una specie di satira stupida sui poliziotti.

La parlamentare in posa

Quel che più indigna, però, è la posa della parlamentare. Tutta contenta, a fianco del nuovo idolo di piazza, per immortalare quella maglietta che tanta soddisfazione le da’. Senza curarsi di tutti quegli agenti che ogni mese devono faticare per portare a casa un decimo della stipendio della senatrice Cirinnà, che evidentemente lo incassa per divertirsi così.
La maglietta in questione – evidentemente – ha anche un retro su cui c’era scritto “Mettiti questa Matteo”. La “spiegazione” sul social, nel profilo – eh sì, un pò di pubblicità – di Cathy La Torre, con un delirio niente male. Anche per evitare di far arrabbiare i poliziotti italiani, il soggetto in questione ha scritto di aver “ringraziato i Poliziotti durante il corteo, spiegando il perché di questa maglia”. Non si hanno notizie del gradimento da parte degli agenti presenti alla manifestazione.

La grande scoperta

Comunque, ora sappiamo che “Cathy” ha rivendicato di aver “indossato una maglia volutamente provocatoria”. Meno male che lo ha spiegato perché non se ne era accorto nessuno. Forse la Cirinnà…
In pratica gli omosessuali stanno anche nella Polizia di Stato, dice l’amico/a della senatrice del Pd. Tutta qui la scoperta? E c’era bisogno dello spettacolo per farcelo sapere? Semplicemente sgradevole l’esibizione. E spiace che non se ne renda conto una che fa la parlamentare.