Renzi inveisce: «Salvini influencer fallito, Conte burattino. Il governo porta jella»

giovedì 14 febbraio 11:41 - di Franco Bianchini
renzi

«Sapete chi è Salvini? È uno che parla anche di cose che non conosce per fare un post. È un influencer fallito, non voleva fare il ministro». Matteo Renzi sembra in preda a una crisi di nervi, durante un’intervista all’emittente fiorentina Lady Radio. Ne ha per tutti, si elogia da solo, spara bordate a destra e a manca, carica le frasi in modo pittoresco. Cerca in qualche modo di venir fuori dal pantano politico in cui è precipitato insieme a tutto il Partito democratico. Se Salvini è un influencer fallito, Conte è anche peggio: «È evidente che la frase del parlamentare europeo è molto polemica ma non contro l’Italia. Non ha detto che il governo è un burattino ma che Conte è il burattino di Di Maio e Salvini. L’Italia non è stata insultata. Venne insultata il 2 luglio del 2014 quando gli europarlamentari dei 5S iniziarono a urlarmi “mafia, mafia, mafia”…».

Renzi: i gialloverdi dicono solo bischerate

È polemica a tutto campo, quella di Renzi: «Salvini ha detto che con il mio governo Firenze non ha avuto un euro e ha scritto un post per dire che lui ha messo 400mila euro per la sicurezza a Firenze. L’assessore comunale Gianassi gli ha ribattuto che solo per le telecamere di videosorveglianza il governo Renzi aveva dato 5 milioni di euro, senza contare tutti gli investimenti sulle infrastrutture». Stamattina . continua – «alcuni quotidiani, a cominciare dal Financial Times, dedicano spazio al libro “Un’altra strada”. Mi piacerebbe tanto che il libro aiutasse a riflettere. Il governo dice che siccome sta arrivando una gigantesca rivoluzione allora diamo a tutti il reddito di cittadinanza. A me questa sembra una gigantesca bischerata».
Poi parla di sé. «Io non sono mosso dall’ansia di rivincita, ma ho voglia di futuro e penso che gli incompetenti al governo rischino di mettere in mutande l’Italia», spiega Renzi a Lady Radio. «Crisi economica più vicina, recessione, tutto nel giro del primo semestre di governo. Si è cambiata una linea che dava crescita per scegliere gente incompetente. Non è colpa loro? Come minimo portano sfortuna».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • MICHELE RICCIARDI 14 febbraio 2019

    14 Febbraio 2019 — Ragazzi, siccome i politici (e noi al loro posto) non faranno mai una legge che punisce le loro colpe; l’unica via che resta è quella della democrazia diretta, quella vera non quella dei grillini; cioè il governo sempre sulla graticola,. 24 ore su 24, che dipende dai cittadini non dal parlamento, diventato il male più grande del paese (ma non si può dire) . Ahinoi, ma occorre il coraggio che non abbiamo, perchè il terrorismo psicologico è forte assai. anche se non si vede! Come fare? Fuori le idee e vinca la migliore! Sempre.

  • florio 14 febbraio 2019

    Detto da un fallito come lui. E’ talmente coperto di sfiga che la sua jella la vede riflessa negli altri! In realtà gli “jellati” dell’attuale governo, Salvini in primis stanno cercando, e in parte ci stanno riuscendo, a porre rimedio agli enormi danni procurati dallo sfigato & soci di merende negli anni precedenti. Il povero sfigato fiorentino si metta l’anima in pace, ormai gli italiani lo conoscono fin troppo bene, e comunque non tornerà mai più al governo con i suoi sorcetti di merende! Basti pensare come ci ha ridicolizzati per tutto il tempo con le sue iniziative fallimentari per il paese da ridicolo ed emerito buffone sfigato in europa e nel resto del mondo.

  • In evidenza