«Non abbiamo perso». I vertici grillini si assolvono, la base si sfoga: «Salvini ci sta ammazzando»

lunedì 11 febbraio 18:44 - di Robert Perdicchi

«Chi sceglie di stare nella merda, deve continuare a vivere nella merda. Senza nulla a pretendere», commenta un grillino. «Vorrei solo sapere dagli elettori che hanno votato pd e forza Italia, ma dove vivono? E se guardano al futuro o gli piace rimanere mediocri?», dice un altro.
Siamo sulla pagina Fb del M5S e si commenta il risultato pessimo del Movimento, introdotto da un’analisi del parlamentare Francesco D’Uva che fa sorridere un poco gli stessi militanti: «In Abruzzo ci saremmo aspettati di più anche se i numeri ci dicono che non abbiamo perso…».
Non abbiamo perso, dice, e incassa qualche commento ironico dai suoi stessi sostenitori: «Noi accettiamo sempre il verdetto delle urne, non siamo il Pd che dice che gli elettori sbagliano a votare…». In realtà i grillini sembrano avercela con la linea troppo “soft” di Di Maio con la Lega. «Stiamo regalando l’Italia alla lega porca miseri questa è la verità…», scrive un altro, ma intanto il tema resta quello degli elettori abruzzesi che non hanno “saputo” votare: «Ricordate che il popolo scelse Barabba al posto di Cristo quindi…», «Se non votate a favore del processo a salvini perderete molti altri voti…», spiega ancora un altro. «Non fate più donazioni, tenetevi i soldi per voi», suggerisce Vincenzo. «Le autombulanze che avete donato tornino indietro», «In quella regione devono morire di fame, con tutto quello che i 5 Stelle stanno cercando di fare per loro», esagera un altro.

Il parlamentare che modera il dibattto, D’Uva,  fa delle riflessioni amare: «In pochi mesi di governo il MoVimento ha ottenuto importanti risultati per i cittadini. Penso a Quota 100, Reddito di Cittadinanza, taglio dei vitalizi, Spazzacorrotti, lotta al precariato, stop alle delocalizzazioni, fine alla pubblicità del gioco d’azzardo ecc ecc. Tante cose. E non ci siamo mai fermati un attimo a spiegare bene tutto quello che siamo riusciti a fare per i cittadini. Perché con impegno e sacrificio, dopo ogni singolo provvedimento portato a casa, ci siamo sempre buttati a capofitto per approvarne uno nuovo. Ad esempio nelle prossime settimane taglieremo il numero dei parlamentari, poi lo stipendio di tutti i parlamentari e stiamo lavorando a una legge sul salario minimo.
Abbiamo forse la “colpa” di star facendo tanto in poco tempo? Ovviamente ci rifletteremo…».
Il problema è la narrazione, dunque, come ai tempi di Renzi, che non si capacitava di come gli elettori non capissero le sue straordinarie qualità di governo…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza