Abruzzo, i dati definitivi: il Pd crolla all’11%, Lega e Fratelli d’Italia premiate all’Aquila (video)

lunedì 11 febbraio 10:32 - di Giovanna Taormina

L’Abruzzo premia il centrodestra ed elegge Marco Marsilio alla presidenza della regione. Marsilio raccoglie, quando sono state scrutinate 1620 sezioni su 1633, il 48,00% dei consensi con 297.153 voti, staccando il candidato del centrosinistra allargato Giovanni Legnini che si ferma al 31,33% (193.171 voti). Nel dettaglio la Lega ha ottenuto 162.065 voti con il 27.45%, Forza Italia 53.769 con il 9,10%, Fratelli d’Italia 38.146 con il 6,46%.  Dati alla mano il Pd crolla all’11,15%, nel 2014 aveva ottenuto 169.584 preferenze ora è sceso a 64.479. Il M5S finisce terzo con il 20,17% dei voti (124.887 preferenze). Le due province che hanno premiato più di tutte il centrodestra sono state L’Aquila e Teramo: qui il centrodestra ha superato agevolmente la soglia del 50% (all’Aquila addirittura al 53,6%). Rispetto al totale regionale Legnini meglio nelle province dell’Aquila e Chieti, 5stelle castigati a Teramo e L’Aquila al 18% e al 13,2%. Questi i nomi degli eletti in consiglio regionale: Lega (10): Nicola Campitelli, Manuele Marcovecchio, Sabrina Bocchino, Emanuele Imprudente, Angelo Simone Angelosante, Vincenzo D’Incecco, Nicoletta Verì, Pietro Quaresimale, Emiliano Di Matteo, Antonio Di Gianvittorio. Fi (3): Mauro Febbo, Lorenzo Sospiri, Umberto D’Annuntiis. FdI (2): Guido Quintino Liris, Guerino Testa. Udc-Dc-Idea (1): Marianna Scoccia. Azione Politica (1): Roberto Santangelo. La componente di minoranza del centrosinistra, capeggiata dal candidato presidente giunto secondo, Giovanni Legnini, è la seguente. Pd (3): Silvio Paolucci, Antonio Blasioli, Dino Pepe. Legnini Presidente (1): Americo Di Benedetto.’Abruzzo in Comune-Regione Facile’: Sandro Mariani. La minoranza è completata dai sette consiglieri del Movimento Cinque Stelle. M5S (7): Sara Marcozzi, Pietro Smargiassi, Francesco Taglieri Sclocchi, Domenico Pettinari, Barbara Stella, Giorgio Fedele, Marco Cipolletti.

Abruzzo, l’abbraccio tra Marsilio e Giorgia Meloni

Nella notte il lungo abbraccio tra Marco Marsilio, nuovo presidente della Regione Abruzzo, e la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, al comitato, a Pescara, aveva sancito il successo di FdI, che si avvia così a guidare la prima regione nella sua storia. «Con questa squadra daremo un futuro all’Abruzzo come meritano gli abruzzesi. Ringrazio tutti i partiti della coalizione con cui abbiamo fatto un lavoro straordinario», ha detto il neopresidente. Ma è tutto il centrodestra che esulta per il risultato.

Le reazioni al voto

«Eccezionali i risultati della Lega in Abruzzo. Complimenti a Matteo Salvini e buon lavoro al neo presidente Marco Marsilio», commenta su Twitter il ministro per la Famiglia e le Disabilità, Lorenzo Fontana, vicesegretario federale della Lega. E Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia afferma: «Centrodestra unito unica alternativa al dilettantismo dei grillini. Ora l’Abruzzo vuole ripartire con quel buongoverno che da tempo esprimiamo in tante regioni e comuni. Grazie Berlusconi per l’impegno profuso, buon lavoro a Marsilio e a tutti i nostri eletti». E il Pd si lecca le ferite. Matteo Ricci, responsabile Enti Locali del Pd, commenta su Twitter l’esito del voto complessivo ottenuto dal centrosinistra ed evita si soffermarsi sulla debacle del Pd: «In bocca al lupo al nuovo presidente dell’Abruzzo. Vittoria netta della destra. Crollano i 5stelle. Il centrosinistra riparte da un +12% rispetto alle politiche grazie a Giovanni Legnini. Pdnetwork è a disposizione di un nuovo centrosinistra. Alle primarie del Pd ora serve una bella partecipazione e una leadership forte».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi