La Russa: «Vicino agli uomini e donne in divisa dopo le offese di Gino Strada»

domenica 10 giugno 22:17 - di Mariano Folgori

Non sempre i capelli bianchi portano la saggezza.  Certamente non è il caso di Gino Strada, il fondatore di Emergency, che si è abbandonato domenica pomeriggio a un vero e proprio delirio ideologico nel salotto di Lucia Annunziata su Raitre, Mezz’ora in più.  «Sono sconcertato. Ho 70 anni e non pensavo più di vedere ministri razzisti o sbirri nel mio Paese. Non hanno considerazione delle vite umane». Strada si riferiva al ministro dell’Interno Matteo Salvini e al predecessore Marco Minniti.

Parole violente, un insulto gratuito, parole che legittimano una reazione  delle istituzioni. C’ha pensato il vicepresidente del Senato Ignazio La Russa. «Non pensavo che ci fosse ancora tra  esponenti in vista della sinistra un Gino Strada che non si vergogna  di chiamare sbirri gli uomini e le donne delle forze dell’ordine. I suoi compari e compagni almeno nascondono la loro disistima per “gli  sbirri” mentre esattamente come Strada chiamano razzisti quelli che  denunciano la loro folle politica sull’immigrazione selvaggia. Agli  uomini e alle donne in divisa giunga la mia vicinanza».

Così Gino Strada ha chiosato la sua invettiva: «Io in questa società non mi ritrovo più e cercherò alternative. Ad esempio andarmene da questo Paese».  Fosse vero…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • uesto renderebbe un bel po di miliaRDI DI ENTRATE FISCALI IN PIù. 19 giugno 2018

    Gino Strada va ovunque paghi per i servizi che propone e svolge; Come le altre Ong. fa affari con il viaggiare degli esseri umani e sfruttamento finale nei lavori più duri e malpagati.

  • Pasquale Montemurro 12 giugno 2018

    Cambiasse pure paese! Andasse in Francia da Macron! Lui I migranti li lascia morire sugli scogli …

  • Paolo 12 giugno 2018

    …correggo : io la pelle l’ho rischiata per trent’anni al servizio dello STATO ITALIANO!

  • Paolo 12 giugno 2018

    Nessun commento. Solo una cloaca può accogliere tanto letame saturo di livore e di rancore nei confronti di chi ogni giorno rischia la pelle per garantire protezione e libertà anche a gentaglia come lui.
    Io la pelle l’ho fischiata per trent’anni al servizio dello Stato ITALIANO !

  • FAUSTO 12 giugno 2018

    STRADA UN POVERETTO RINCITRULLITO CHE CREDE DI ESSERE ALLAH

  • Angela 12 giugno 2018

    Ma a questo signore chi glieli da i soldi per andare a prendere le centinaia di migranti ?ha forse paura di perdere i milioni di euro che gli vengono elargiti da chissà chi? E perché nessuno indaga?…ne scopriremmo delle belle su questo soggetto di sinistra

  • stefano 12 giugno 2018

    strada sei un vecchio parassita hai fatto soldi a palate coi negri schiavista di m****

  • alfonso 12 giugno 2018

    Per essere italiani, non basta nascere in Italia ma occorre sentirsi italiani nel cuore e nell mente. Questo signore non sentendosi italiano ma amante solo dei facili guadagni si dovrebbe togliere la cittadinanza per indegnità.

  • Laura Bovati 12 giugno 2018

    Vorrei solo sapere dove decide di andare. Sarà un paese che sicuramente cancellerò da futuri viaggi. Ho saputo che è tornato ebola, non potrebbe andare a curare quegli ammalati? Un buon medico va dove c’è bisogno di lui…

  • Alfonsa 12 giugno 2018

    ma quanti soldi si è fatto questo con la scusa di emergency,perchè nessuno controlla?

  • Giovanni 12 giugno 2018

    GRANDE SENATORE IGNAZIO LA RUSSA, OGNI VOLTA CHE I comunisti APRONO QUELLE BOCCHE DA DOVE ESCONO SOLO IDIOZIE E INSULTI A CHI NON LA PENSA COME loro, BISOGNA RISPONDERGLI COME HA FATTO LEI..!!..

  • Giovanni 12 giugno 2018

    COSA ASPETTI AD ANDARTENE VIAAAAA L’ITALIA NON HA BISOGNO DI voi comunisti PARASSITI……. VIAGGIAAAAAAAAAAAAAAA

  • gran Turco 12 giugno 2018

    Un umo in pieno delirio. Vada via al più presto dall’Italia!!!!

  • mario galletti 12 giugno 2018

    vuole andare via??? una bella notizia

  • Giusepoe 12 giugno 2018

    Toglietegli la scorta cosi vediamo se fa ancora il Furbone

  • bruno buono 12 giugno 2018

    Gino Strada se questo paese ti sta’ stretto, a volte anche a me, sopratutto quando ci sono personaggi ignobil idella sinistra e tu sei uno di quelli, ma purtroppo e’ un lungo elenco di IPOCRITI, bene vattene, io rimango.

  • Aldo Barbaro 12 giugno 2018

    Se non ci fossero “gli sbirri” a proteggerci talvolta sacrificando la propria vita,con un miserrimo stipendio, oggi ci saremmo dovuti barricare nelle nostre case! Personaggi come Strada e chi dà loro spazio televisivo dovrebbero essere definitivamente emarginati dalla Società Civile!!!!!

    • sergio 12 giugno 2018

      ..Speriamo che se ne vada e non faccia come Veltroni che se ne voleva andare in Africa e poi è rimasto………ipocriti!!

  • Marco Tura 12 giugno 2018

    Uomini osì meglio perderli che trovarli

  • antonio coradello 12 giugno 2018

    Le ONG negriere e i loro utili idioti, come pure la mammana Bonino, attuale badante di Soros, che se ne vadano tutti dalla Merkelona, dal massone Macron o dal nuovo Sanchez-panza spagnolo…

  • Rodolfo Ballardini 12 giugno 2018

    70 anni buttati al vento. Rappresentante del sentire comunista. NON CE NE LIBEREREMO MAI DI STI COSI ROSSI.

    • bruno buono 12 giugno 2018

      esatto bravo

  • Ardito 12 giugno 2018

    Strada deve essere esiliato se a lui non piace questa nostra Patria e nazione

  • roberto 11 giugno 2018

    ma sei ancora qui? non ti ritrovi nel nostro mondo? e allora vattene, non abbiamo bisogno di te !!!!

  • franco 11 giugno 2018

    essere chiamati sbirri non è un’offesa, è un’onore. spero che tu (Strada) un giorno ne abbia bisogno e chi ti risponde al 112 o 113 si ricordi delle tue parole. così tanto per dire: “le pattuglie sono tutte impegnate, si rivolga ai centri sociali”

    • Anna Maria Innocenzi 12 giugno 2018

      Questo tuo commento mi piace proprio, Franco, e lo condivido in pieno con te.

  • giulio 11 giugno 2018

    Strada non è l’unico problema: ieri Annunziata in “mezzora” ha dedicato quasi un’ora a intervistare Di Maio: ieri era giornata elettorale, mai capitato che si intervisti un esponente politico ad urne aperte. E per di più un’ora non è un’intervista, è un comizio.

  • chicco 11 giugno 2018

    …questo pappone ha paura che finisca il foraggio per sé e per i suoi consortieri!

    • chicco 11 giugno 2018

      …mi riferisco a Strada ovviamente!

  • Laura Prosperini 11 giugno 2018

    probabilmente… la pacchia è finita… per tutti quelli che, in un modo o nell’altro, guadagnano sulla pelle degli immigrati, non so se Strada sia fra questi ma comunque non ritrovarsi con la nostra cultura con i nostri costumi, con il nostro modo di vedere la vita (ormai millenario e passa) vuol dire schifare gli italianio e l’italia e, onostamente, questo non ci piace.
    Sono sicura che molte Nazioni le daranno ospitalità ma di questo si tratta perchè poi dovrà ritrovarsi nei costumi di qull’altra nazione e sono sicura che non si ritroverà neanche li.
    Il problema è in lei non nella Nazioni.

  • cristiano 11 giugno 2018

    gino strada è quello che assiteva i talebani che sparavano sui nostri soldati. E’ un traditore comunista infame che andrebbe fucilato per alto tradimento. E ancora parla…

    • Pietro 11 giugno 2018

      Condivido cristiano

    • MarioD6 12 giugno 2018

      Condivido pienamente

  • Carlo Buzzi 11 giugno 2018

    Gino o strada e un un homo senza dignità fa dovrebbe vergognarsi a definire dei poliziotti e carabinieri chi si sacrificano per la nazione sbirr

  • Jolanda c: 11 giugno 2018

    Ahhhhhhhhh, è finita la pacchia sinistrorsa eh?

  • alessandro sormani 11 giugno 2018

    esser offeso da questo “uomo(?)” per me ex “SBIRRO” è un complimento! strada un povero e triste “uomo(?)”…

  • Pino1° 11 giugno 2018

    Se i delinquenti abbandonano la nave in cattive acque, anche per colpa loro, diamogli anche il nostro: ‘Grazie, senza di te vivremo meglio’.
    Chi fa bombardare un’ospedale perché per scelte politiche ed economiche, fa dialisi al più ricecato dei criminali terroristi mettendo a repentaglio gli altri, possiamo lasciarlo andare a cuor sereno !
    Quanto al rispetto agli Italiani in Divisa, mentre non si puo’ pretendere da un delinquente il rispetto
    delle forze in divisa di un paese ammalato di democrazia, facciamo tanta attenzione quando si mandano italiani in armi al servizio degli interessi italiani se poi si consegnano con incauta leggerezza a chi ti aggredisce e da cui avrebbero dovuto tutelarti ! Le regole di ingaggio fatele fare a chi rischia la pelle, cioè i militari e quando sono credibili si sostengono non si danno in pasto al nemico! Quindi, vicinanza, SEMPRE !

  • Giuseppe Tolu 11 giugno 2018

    Nessuno si accorgerà della tua mancanza. La pacchia è finita, vai bello, vai; nel nostro paese non ci fai niente, vattene nell’altro

  • dino de fasto 10 giugno 2018

    meglio sbirro che servo delle multinazionali finanziatrici della sinistra anti italiana che sopportiamo da troppo tempo ormai

    • GENNARO TERMINE 12 giugno 2018

      BRAVISSIMO !!! COMPLIMENTISSIMI, DINO DE FASTO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Marcello 10 giugno 2018

    A nemico che fugge ponti d’oro.

  • In evidenza

    contatore di accessi