Panni sporchi a Piazzapulita (La7). «Salvini è contro tutti»: scivolone di Conte nel fuorionda con la Merkel (Video)

venerdì 1 febbraio 9:41 - di Ginevra Sorrentino

E due: dopo l’audio fra Conte e la Merkel a Davos, trapelato e salito ai disonori della cronaca politica, in cui il premier parlava dei timori dei Cinque Stelle per la crescita nel favore elettorale e nei sondaggi della Lega di Salvini, a Piazzapulita viene ricostruito integralmente il colloquio tra la cancelliera e il presidente nel Consiglio – che riportiamo qui in apertura  nel link del Corriere della sera –. E il premier Conte finisce nei guai…

Il fuorionda tra Conte e la Merkel che inguaia il premier italiano

Uno accanto all’altra, sguardo stupito prima, e turbato poi, la cancelliera, espressione compiaciuta il premier di casa nostra: i primi frame del video incriminato non lasciano adito a dubbi e incredibilmente, nonostante l’anticipazione delle indiscrezioni rubate a Davos, destano clamore e sorpresa. «È contro Francia e Germania?», chiede la Merkel riferendosi al ministro dell’Interno; «Salvini è contro tutti», risponde con un sardonico sorriso sulle labbra Conte. Parola di premier, intercettata e registrata dalle telecamere di Piazzapulita durante un colloquio avuto tra i due leader nel vertice a Davos. Parte del confidenziale (e infelice) scambio di battute tra i due al World Economic Forum era stato anticipato la settimana scorsa dalla trasmissione di La7, e ieri sera è stato mandato in onda integralmente. E per il premier non si prevedono ore facili nell’immediato… Nel filmato, allora, si sente Conte che parla del Movimento Cinque Stelle, descritto «in sofferenza perché nei sondaggi che abbiamo fatto stanno calando, sono molto preoccupati perché Salvini è circa al 35-36% e loro scendono al 27-26%». Poi, entrando nel merito di timore e strategie difensive, e al netto di un approccio decisamente più confidenziale che istituzionale, Conte prosegue: «Quindi dicono “quali sono i temi che possono aiutarci in campagna elettorale?” Perché sull’immigrazione ovviamente Salvini è del tutto… lui chiude tutto, non c’è spazio».

«Ma Angela non ti preoccupare, sono determinato»…

Poi, tornando su un boccone evidentemente ancora indigesto che il premier ha dovuto ingoiare solo poche settimane fa, Conte prosegue – e il video del fuorionda “rubato” lo tradisce – con il presidente del Consiglio che ricorda alla cancelliera la vicenda di Sea Watch 3 e Sea Eye che i primi di gennaio si trovavano a poche centinaia di metri dalla costa maltese. Conte aveva tenuto il punto contro Salvini, assicurando che se non fossero sbarcati donne e bambini sarebbe andato a Malta con l’aereo. «Per me è differente sai…ti ricordi di Malta? – chiede Conte alla Merkel –. Quando ho detto “donne e bambini li prenderò con l’aereo”, perché Juncker mi aveva detto “Salvini dice che tutti i porti sono chiusi”. Io ho detto “ok, vuol dire che li prenderò in aereo. Sai…(qui c’è una parte incomprensibile, ndr) quindi ho capito la questione»… A quel punto la Merkel, incuriosita almeno quanto sconcertata, chiede: «Ma è vero che…(di nuovo incomprensibile, ndr). Quindi Conte replica: «Ma li prendiamo, certo, certo. Ma Angela non ti preoccupare sono molto determinato, la mia forza è che se io dico “ora la smettiamo e loro non litigano”…(incomprensibile, ndr) è la mia… ho questa posizione».

La conclusione con sentenza di Conte: «Salvini è contro tutti»

Infine, come se tutto quanto già sbugiardato non fosse abbastanza, intenzionato a lavare i panni sporchi di famiglia (istituzionale) fuori casa, Conte prosegue; e alla domanda della Merkel: «Qual è il focus dei 5stelle?», il disponibile interlocutore replica: «Nella campagna elettorale ora ci sono molti nel partito che dicono “il nostro amico è la Germania” e quindi dobbiamo fare la campagna contro la Francia!» A quel punto la cancelliera forse appagata o forse turbata da quell’indigestione di indiscrezioni commenta: «È’ un approccio molto semplicistico!». E Conte all’angolo prova a ribattere: «Io penso che sarà… siamo all’inizio»; e come facilmente prevedibile, la Merkel concludendo caustica e con fare inquisitorio, riassume: «Quindi Salvini è contro Francia e Germania e Di Maio è contro la Francia?». E Conte sentenzia: «Salvini è contro tutti»…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *