Napoli, centro di produzione Rai a rischio chiusura. L’Ugl: «Un’eccellenza da tutelare»

giovedì 7 febbraio 12:34 - di Milena De Sanctis

A rischio chiusura il Centro di produzione Rai di Napoli. «Come Ugl Informazione riteniamo che le strutture territoriali della Rai siano un punto di forza indiscutibile del servizio pubblico –   dichiara il segretario nazionale Fabrizio Tosini – Non possiamo accettare politiche aziendali volte al ridimensionamento, o alla chiusura, dei centri di produzione, e più in generale di tutte le sedi regionali, come ventilato per la sede di Napoli – continua la nota –  Il polo partenopeo rappresenta, infatti, – aggiunge Tosini  – una delle eccellenze sul territorio italiano che vanno preservate e difese come patrimonio collettivo in quanto, oltre alle numerose produzioni televisive realizzate, ospita l’archivio storico della canzone napoletana. Ci aspettiamo pertanto, da parte della Rai – conclude Tosini – un piano serio di rivalutazione e valorizzazione della presenza del servizio pubblico sul territorio nazionale e l’immediato dietrofront rispetto a politiche miopi di dismissione». Il Centro di produzione Rai di Napoli è uno dei quattro centri di produzione televisiva e radiofonica della Rai, insieme ai centri di Roma, Milano e Torino. Il Centro venne inaugurato il 7 marzo 1963 nel quartiere di Fuorigrotta. Il suo fiore all’occhiello è il grande Auditorium concepito per ospitare i concerti dell’Orchestra Alessandro Scarlatti e programmi girati alla presenza del pubblico. Dal 2003 il Centro Rai di Napoli ospita anche l’Archivio storico della canzone napoletana.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *