Mentana affonda Travaglio: «Su Salvini un po’ di garantismo non guasta»

sabato 2 febbraio 12:03 - di Renato Fratello

«Si dovrebbe sempre decidere con cognizione di causa, basandosi sulle carte e non su un pregiudizio politico o su una presunzione di colpevolezza, che pure è stata spesso nel passato dei 5 Stelle». Enrico Mentana, su il Fatto Quotidiano, entra nel merito del caso Diciotti e del processo per Matteo Salvini: «Se quindi il Movimento si comporterà come un qualunque cittadino chiamato a una giuria popolare non farà danno né a se stesso né al proprio mandato. Io non ho mai amato la via giudiziaria come sostituto del bilanciamento della democrazia – spiega in contrapposizione a Marco Travaglio – e su questo i 5 Stelle adesso potrebbero maturare e al tempo stesso far maturare al loro elettorato una posizione più garantista».

Mentana ai 5S: «Non prendete una posizione a prescindere»

In qualche modo è un’occasione. Non sto dicendo che bisogna votare contro l’autorizzazione ma per lo meno non prendere una posizione “a prescindere” come in passato». Mentana poi spiega: «Dal punto di vista del consenso, c’è uno zoccolo duro che li seguirebbe qualsiasi cosa dicessero, ma c’è anche una parte fluttuante che potrebbe essere ingolosita da Salvini».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *