Mafia nigeriana, in Italia l’attività più atroce: «Minori utiiizzati nel traffico di organi»

lunedì 4 febbraio 20:12 - di Carmine Crocco

Che fine fanno alcuni dei minori nigeriani che sbarcano in Italia? Da tempo sta prendendo piede una ipotesi agghiacciante: sono utilizzati dalla mafia nigeriana nel traffico di organi.  A denunciarlo, in un articolo sul quatodiano on line Affaritaliani.it, è Vincenzo Musacchio, presidente dell’Osservatorio Antimafia del Molise«La Black Axe, un’associazione criminale nigeriana che arriva in Italia con le prime ondate di migranti, ha, di fatto, introdotto i  il business del traffico di organi umani. La mafia nigeriana fornisce “il materiale” per il settore dei trapianti clandestini, in massima parte con eliminazione del “donatore”». I  minori – osserva sempre Musacchio- sono «presi dalle famiglie ,giustificando tale condotta criminosa come uccisioni sacrificali o casi di magia nera»

Che dicono le “anime belle” dell’antirazzismo?

Il traffico di organi umani, frutta alle organizzazioni criminali in tutto il mondo un miliardo e mezzo di dollari. «Di essi un terzo è gestito dalla mafia nigeriana».   Chi esegue l’espianto e il trapianto? «Certamente chirurghi esperti in cliniche attrezzate. Ci vogliono complici nelle istituzioni, perché una clinica non può funzionare senza di esse, tantomeno una clinica dove si fanno trapianti. Ci sono, infine, i ricchi fruitori dei trapianti clandestini. Gente stimata, rispettata, di successo, che può spendere centinaia di migliaia di euro per il trapianto e che è totalmente priva di scrupoli: la parte peggiore di tutto quest’orrore». «Credo – conclude  Musacchio – che su questo fronte convenga impegnarsi di più e in maniera concreta, particolarmente in collaborazione con la società civile, l’associazionismo –  per evitare che, un domani non troppo in là da venire, ci possiamo trovare tutti a piangere sul troppo tempo sprecato senza neppure la minima forza di reagire». Perché non udiamo anche la voce delle  “anime belle” dell’antirazzismo?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *