La Pernigotti ormai è finita e Di Maio deve solo nascondersi (video)

mercoledì 6 febbraio 13:02 - di Guglielmo Federici

Un vero fallimento per Luigi Di Maio che soltanto un mese fa mangiava i gianduiotti che gli operari gli offrivano durante una sua visita agli stabilimenti dell’industria dolciaria tanto cara agli italiani. Mangiava e prometteva. invece, la Pernigotti, così come l’abbiamo conosciuta, è una storia finita. Dimentichiamola. Nonostante Luigi Di Maio avesse giurato soltanto un mese fa che mai e poi mai l’Italia avrebbe perso per nulla al mondo uno dei suoi marchi storici nel settore enogastronomico, i cento dipendenti della Pernigotti saranno in cassa integrazione e la storia dell’azienda si concluderà. A proposito di promesse non mantenute. Un vero fallimento per il ministro dello Sviluppo Economico.

Di Maio assente dal tavolo sulla Pernigotti

I sindacati  hanno firmato l’accordo sull’ammortizzatore sociale per un anno mentre il gruppo turco Toksoz proseguirà nella sua politica di commercializzazione dei prodotti altrove. Questo significa la fine per l’azienda o almeno per come eravamo abituati a concepirla. Di Maio aveva annunciato che la proprietà turca avrebbe dovuto cedere il marchio con le buone o con le cattive, ma quest’opzione non è mai arrivata sul tavolo. Un tavolo dal quale Di Maio ha brillato per assenza. Di Maio era in Francia a fare campagna elettorale. Era a Parigi per incontrare Cristophe Chalençon dei Gilet Gialli in vista dell’alleanza con il MoVimento 5 Stelle per le elezioni Europee. Un impegno di certo più importante rispetto al destino ormai incerto dei cento dipendenti e dei centocinquanta interinali che da oggi vivranno un incubo che si concluderà tra un anno e dopo non si sa. Adesso, oltre alla Cassa integrazione, c’è la possibilità per i lavoratori di essere impiegati nello stabilimento di Laica di Arona (in provincia di Novara), che tuttavia, senza il marchio, rischia di rimanere senza investitori e di chiudere definitivamente i battenti. A Di Maio non resta che nascondersi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *