Diciassettenne suicida a Roma: aveva appena denunciato uno stupro

martedì 12 febbraio 15:13 - di Redazione

Forse c’è il trauma di uno stupro a provocare il suicidio della 17enne che si è buttata lunedì sera da una finestra di un appartamento al sesto piano di un palazzo del centro di Roma. La giovane era stata trasportata in ospedale in gravissime condizioni, ed è deceduta poco dopo. Sulla vicenda indaga la polizia. La 17enne si trovava a casa di un’amica dove era andata all’uscita di scuola. L’amica è stata ascoltata dagli investigatori proprio per cercare di ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Lo stupro denunciato pochi giorni prima

Istigazione al suicidio: con questa ipotesi di reato la Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine sulla morte della 17enne australiana precipitata ieri sera dal sesto piano di un palazzo in via Pomezia, nella zona di piazza Re di Roma. La ragazzina, a quanto si apprende da fonti giudiziarie, aveva denunciato di recente di essere stata vittima di violenza sessuale da parte di una persona incontrata per caso: i pm capitolini su questa vicenda stavano ancora indagando per trovare riscontri.  La giovane, che viveva a Roma con i genitori, era a casa di un’amica ieri sera quando si sarebbe chiusa in camera e poi è precipitata giù dalla finestra.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *