Courmayeur, il campione di biathlon Breitenberger muore in fuoripista con lo snowboard

giovedì 10 gennaio 17:26 - di Roberto Frulli
Hannes Breitenberger

Si era avventurato con lo snowboard su un fuoripista vietato, nel cosiddetto “Canale del bambino“, a valle del Plan de la Gabba, nei pressi del circuito di boardercross nel comprensorio del Monte Bianco ed è morto così, dopo un salto da una roccia, il campione italiano di biathlon, Hannes Breitenberger, 18 anni, altoatesino di San Pancrazio, un Comune bolzanese situato nella Val d’Ultimo.

PLAN_DE_LA_GABBA_COURMAYEUR

Breitenberger, tesserato con lo Sci Club Gardenafrequentava la scuola superiore in Val Gardenagareggiava nella Squadra nazionale di biathlon ed era considerato uno degli atleti più talentuosi fra i giovani biatleti italiani.
Hannes_Breitenberger

L’incidente mortale è avvenuto in una zona situata a 1.800 metri di altezza e l’area era segnalata come pericolosa per cui era assolutamente vietato avventurarsi lì.
«La zona – spiegano dal Soccorso alpino valdostano – è segnalata come “pericolosa” e l’itinerario è vietato agli sciatori».

Breitenberger, assieme a un amico diciannovenne con il quale stava scendendo con lo snowboard, avrebbe ignorato il divieto entrando nell’area segnalata come pericolosa e avrebbe tentato un salto da una roccia alta circa 40 metri ma sarebbe poi caduto decedendo, quindi, per le gravi ferite riportate nell’urto.

Il ragazzo che era con lui e che era rimasto sul plateau di roccia, forse per tentare, a sua volta, il salto, lo avrebbe visto schiantarsi a terra fra la neve e scivolare a valle per centinaia di metri.
«È sceso giù, si è tolto la tavola e poi non l’ho più visto», ha raccontato un testimone oculare al Soccorso alpino della guardia di Finanza di Entreves.
Sarebbe stato proprio l’amico di Breitenberger ad allertare i soccorsi per recuperare il ragazzo oramai immobile nella neve, centinaia di metri più in giù.

 

Breitenberger

Sul posto è stato quindi inviato l’elicottero del Soccorso alpino valdostano, con tecnici e medico a bordo, coadiuvati dai soccorritori del SAGF. che hanno trasportato a valle, a Courmayeur, il cadavere di Breitenberger e anche l’amico sotto shock.

Per il suo profilo su Instagram, Hannes Breitenberger aveva scelto una foto che lo ritraeva mentre suonava la fisarmonica. E l’aveva commentata così: «La musica è l’unica lingua che non richiede parole».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *