Stavolta Vauro fa ridere: «Per colpa di Salvini la mia incolumità è a rischio»

mercoledì 5 dicembre 17:04 - di Ezio Miles

Il vignettista Vauro, noto al pubblico per il becerume che cola abbondante dalla sua matita, sperimenta una nuova forma di attacco ai suoi nemici: il piagnisteo, con tanto di lettera al presidente Mattarella.

A scatenare il lamento di Vauro è l’iniziativa leghista di lanciare sui social  la manifestazione dell’8 dicembre attraverso le immagini dei più acerrimi nemici di Salvini ( dalla Boldrini a Saviano e a tanti altri, tra i quali, appunto, il vignettista) corredata dalla scritta: lui  ( o lei) non ci sarà. 

Per Vauro si tratta niente di meno che di una forma di istigazione all’odio contro di lui e quindi di un invito a qualche scalmanato per colpire la sua persona. 

Così il vignettista scrive al capo dello Stato: «Sopra una mia foto campeggia la scritta “Lui non ci sarà” accompagnata dal simbolo ufficiale del suddetto partito con l’intento di connotare la mia persona come esempio negativo, un “Nemico” da additare al disprezzo ed alla rabbia di sostenitori e simpatizzanti del movimento sopra citato. Gli effetti violenti di tale uso della mia immagine sono già riscontrabili ampiamente in rete»-.

Poi arriva l’affondo su Salvini: «Trovo inammissibile che il Ministro dell’Interno del mio Paese inciti atteggiamenti aggressivi contro alcuni dei propri cittadini. Nel malaugurato caso che le minacce di cui, anche in conseguenza di questa campagna della Lega, sono fatto oggetto si traducessero in azioni volte a colpire la mia incolumità fisica riterrò il Ministro Salvini responsabile di tali atti».

Quando Vauro vuole fare lo spiritoso con il becerume delle sue vignette, fa solo piangere. Quando invece vuole fare il serio, come in questo caso, fa sdemolicomente ridere. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Leonardo.corso@bluewin.ch 6 dicembre 2018

    Ma QUESTA PERSONA HA IL CORAGGIO DI PARLARE ANCORA? DOVREBBE AVERE PAURA DA I SUOI COMPAGNI DI PARTITO, PER LE S****** CHE DICE E CHE HA SEMPRE DETTO. MI DISPIACE PER LA SIGNRARE MERLINO E ALTRI CONDUTTORE CH ELO INVITANO A PARLARE IN TV. IL QUOZIENTE DI INTELIGENZA È AL 10% HA TROPPI FUMETTI IN TESTA. DOVREBBE LAVORARE IN UN CANTIERE EDILE FAREBBE MOLTO PIU FIGURA.

  • Giuseppe Tolu 5 dicembre 2018

    Poveraccio!

    • Giuseppe Tolu 5 dicembre 2018

      Mi piace questo nuovo sistema di “commentare”. Bene così dai, magari strada facendo …