Prima bimba nata dall’utero di una donna morta per emorragia cerebrale

mercoledì 5 dicembre 17:46 - DI Gianluca Corrente

Un altro passo importante della scienza. Una bimba sana è nata in Brasile dopo un trapianto di utero da una paziente deceduta. Si tratta del primo caso riuscito al mondo. L’operazione di trapianto durata dieci ore, e il successivo trattamento di fertilità, hanno avuto luogo a San Paolo, nel 2016. La madre, 32 anni, era nata senza utero. Finora ci sono stati 39 trapianti di utero da donatrici viventi, fra cui madri che hanno donato l’organo alle figlie, con la nascita di 11 bambini. Ma i dieci trapianti tentati in precedenza da cadavere erano falliti o hanno portato a un aborto spontaneo, ricorda la Bbc. In questo caso, la donatrice era una madre di tre figli di circa 40 anni, morta per emorragia cerebrale. La ricevente presentava la sindrome di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser, che colpisce circa una donna su 4.500 e comporta alterazioni nello sviluppo di vagina e utero.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi