Vogliono pignorargli la casa: 90enne spara e uccide un geometra

venerdì 9 novembre 14:00 - di Redazione

Portacomaro d’Asti, vogliono pignoragli la cosa anche se è novantenne e non saprebbe dove andare. Così l’ex titolare di un mobilificio molto noto nella zona di Asti, ha perso la testa e ha sparato alcuni colpi contro un innocente, un geometra di 44 anni che poteva essergli nipote, tecnico incaricato dal Tribunale ad eseguire una perizia preliminare al provvedimento giudiziario sull’immobile.

Il geometra  si è presentato all’abitazione dell’anziano: l’ex imprenditore  lo attendeva armato e  ha sparato subito, uccidendolo. L’uomo si è accasciato sull’asfalto. Il novantenne si è poi barricato in casa minacciando chiunque cercasse di avvicinarsi.

A quel punto sono intervenuti i carabinieri e la Croce verde: dalla finestra di casa Cellino ha sparato anche alcuni colpi contro i volontari della Croce verde che si sono prima barricati nell’ambulanza e poi sfidando il pericolo sono andati a soccorrere il ferito. Cellino si è poi arreso ai carabinieri.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Andrea 11 novembre 2018

    Nemmeno un commento sulla sventurata fine del pover’uomo che faceva il geometra … sono allibito, la vera tragedia è la morte di un uomo che faceva solo il suo mestiere …

  • Cesare Zaccaria 10 novembre 2018

    A seguito dello sparo del novantenne il perito è perito.
    Però, che mira a 90 anni!

  • Pinzaglia Quinto 10 novembre 2018

    Ha fatto bene così forse questi tribunali capiranno la differenza che c’è tra un povero cristo d’italiano e la massa di bestie grasse e pasciute che infestano le nostre città sempre protette e giustificate anche quando commettono delitti di ogni tipo

  • paolo 10 novembre 2018

    Qualcuno ha sar sto di aiutare questo novantenne o si aiutano solo i migranti clandestini?

  • Paolo 10 novembre 2018

    Certo che certi organi amministrativi e giudiziari hanno la c**** nella scatola cranica; tirano avanti come le ruspe, senza valutare le conseguenze dei loro provvedimenti né le persone nei confronti delle quali si agisce (dura lex ,sed lex)….del c****…!!!

  • Angelo 10 novembre 2018

    Questo accade quando lo stato non ha politiche per la salvaguardia dei più deboli !

  • Ivan 9 novembre 2018

    La prima casa è impignorabile o no?
    I 5 Stelle starnazzavano tanto ma la legge ancora non c’è o mi sbaglio?