Vogliono pignorargli la casa: 90enne spara e uccide un geometra

Portacomaro d’Asti, vogliono pignoragli la cosa anche se è novantenne e non saprebbe dove andare. Così l’ex titolare di un mobilificio molto noto nella zona di Asti, ha perso la testa e ha sparato alcuni colpi contro un innocente, un geometra di 44 anni che poteva essergli nipote, tecnico incaricato dal Tribunale ad eseguire una perizia preliminare al provvedimento giudiziario sull’immobile.

Il geometra  si è presentato all’abitazione dell’anziano: l’ex imprenditore  lo attendeva armato e  ha sparato subito, uccidendolo. L’uomo si è accasciato sull’asfalto. Il novantenne si è poi barricato in casa minacciando chiunque cercasse di avvicinarsi.

A quel punto sono intervenuti i carabinieri e la Croce verde: dalla finestra di casa Cellino ha sparato anche alcuni colpi contro i volontari della Croce verde che si sono prima barricati nell’ambulanza e poi sfidando il pericolo sono andati a soccorrere il ferito. Cellino si è poi arreso ai carabinieri.