Ultima spiaggia: il Cnr, dune a rischio per l’aumento di anidride carbonica

Dune e spiagge a rischio per l’aumento di emissioni di anidride carbonica in atmosfera: da oggi al 2100 l’accumulo dei sedimenti alla base dei sistemi dunali mediterranei potrebbe calare del 31 per cento, con erosione delle spiagge e maggiori rischi di inondazioni. A svelarlo un lavoro coordinato dall’Istituto per lo studio degli impatti antropici e sostenibilità in ambiente marino del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ias) di Oristano, svolto in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia. La ricerca, pubblicata sulla rivista Climatic Change, ha analizzato la catena di effetti innescati dall’aumento di CO2 sull’ambiente marino. Il caso di studio analizzato dai ricercatori è stata la baia di San Giovanni, lungo la penisola del Sinis, in Sardegna.

 

Studio del Cnr sui sistemi dunali mediterranei
«Lontano dalle foci dei…

Per continuare a leggere l'articolo Abbonati o Accedi