«Non ti abbatto la casa se…»: Di Pietro in tv smaschera la vergogna (video)

lunedì 5 novembre 11:08 - di Gabriele Alberti

L’Italia è flagellata dal maltempo, la villetta maledetta di Casteldaccia inghiotte due nuclei familiari con tre bambini e il discorso naufraga sempre lì, in una vergogna italiana che ha nome e un cognome: abusivismo edilizio. La casa non era in regola e dal 2008 pendeva un’ordine di demolizione poi impugnato dal proprietario. Molte trasmissioni e speciali  hanno dato risalto alla vicenda e al flagello del maltempo che si è abbattuto sull’Italia. Antonio Di Pietro, ospite di Serena Bortone ad Agorà, su Raitre, e successivamente a Non è l’Arena da Massimo Giletti ha attaccato duramente il malcostume diffuso. Si parla di mutamenti climatici, di risorse e quant’altro, ma purtroppo i discorsi sui “massimi sistemi” sono inutili quando è il voto di scambio  il vulnus mortale: Di Pietro ammette: «Ci sono Comuni dove in campagna elettorale dicevano “votate me” perché non ti abbatto la casa, stai tranquillo. Si tratta di complicità giudiziaria». Una piaga che non colpisce solo la Sicilia. Questo il video diffuso da Libero.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • lucia 6 novembre 2018

    Ma va, sembra che i politici abbiano scoperto l’acqua calda…E sì che son proprio loro ad esercitare il voto di scambio. NON SIAMO FESSI ! Le sappiamo noi queste cose, possibile che gli scienziati della politica che ci hanno governato fino ad oggi caschino dalle nuvole? BUFFONI all’inverosimile… TUTTI !!! Incredibile, sempre colpa degli altri… Ma **bip-bip**

  • Pierino Picilli 6 novembre 2018

    Sono un tecnico e penso di conoscere le leggi sull’abusivismo. MI meraviglio che un ex magistrato come Di Pietro ha dimostrato di non conoscerle affatto. Aveva ragione il sindaco di Casteldaccia.

  • Rita Alviani 6 novembre 2018

    Finiamo di parlare: bisogna abbattere l’abusivismo senza indugio
    O ci saranno altri morti
    Bonificare torrenti, fiumiciattoli, rogge…….

  • Angela Mattiello 6 novembre 2018

    Ma se lo sapevi perché non è partita una denuncia? Visto che sei un ex Pm

  • Giuseppe Forconi 6 novembre 2018

    Ma, perche’ non lo sapevate gia’ che le case abusive non venivano abbattute in cambio di voti ???? Non e’ una novita’ e se non vi sbrigate ad abbatterle, alle prossime elezioni vince il “PD” e le case rimangono.

  • Ben Frank 6 novembre 2018

    E se “lu cuntadine” sapeva tutte queste cose, perché non ha agito prima, quando ers magistrato o ministro, invece di venire adesso a fare il bulletto nei “tolc-sciò” al motto di “ie saccie tutte cose”?

  • Pietro Benigni 6 novembre 2018

    Il potere di abbattimento va tolto ai sindaci e va dato ai prefetti.