L’ira funesta del pelide Renzi: «Tria e Moavero peggio di Salvini e Di Maio»

mercoledì 21 novembre 10:25 - DI Franco Bianchini

Sono tutti un bluff. Non hanno credibilità. Scalcia, Matteo Renzi. Che cerca di uscir fuori dal tunnel attaccando a destra e a manca. Stretto tra i sondaggi che sono diventati un incubo e i malumori (pesanti) esplosi nel Partito democratico, stavolta se la prende con i tecnici del governo: «Con tutto il rispetto possibile io credo che Tria e Moavero – dice l’ex presidente del Consiglio intervistato sul Foglio da Claudio Cerasa – oggi siano persino peggio di Salvini e Di Maio. Salvini e Di Maio corrispondono a due visioni politiche che combatto. Tria e Moavero invece sono stati individuati come i custodi della tenuta istituzionale del paese». Evita di dire che, se quelli che etichetta come “populisti” hanno conquistato le stanze del potere, lo si deve soprattutto alla sua stagione fallimentare, che ha aiutato la politica dei vaffa.
«La classe dirigente o presunta tale li ha scelti. Ma un ministro dell’Economia che ha perso credibilità – osserva – non serve più a nulla. E un ministro degli Esteri che dopo averci regalato il Fiscal compact, ai tempi di Mario Monti, e dopo aver contribuito a farci perdere l’Ema a Milano, ai tempi di Paolo Gentiloni, oggi riduce un vertice internazionale, il cui esito è stato cancellato più velocemente di una conversazione su Snapchat, a una photo opportunity sulla Libia, beh, è un ministro che non mostra attenzione al servizio dello Stato ma mostra solo servilismo al nuovo potere», rimarca il senatore dem.
L’ex segretario dem torna poi ad attaccare i vicepremier. «È un bluff Salvini così come è un grande bluff il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio, che tra Ischia, i condoni e l’alleanza con il partito che porta i soldi in Tanzania, ha perso tutta la sua presunta verginità. In soli sei mesi – rimarca ancora Renzi – i populisti al governo hanno dimostrato che la politica delle fake news non funziona perché è incompatibile con la realtà – e anche gli elettori del Movimento 5 Stelle se ne stanno rendendo conto».
«Dopo di che, sì, io penso che se la Lega volesse andare alle elezioni – dice – il Pd dovrebbe accettare la sfida e dovrebbe provare a battere i populisti alle urne, ma ho come l’impressione che questa mia idea sia minoritaria all’interno dei gruppi parlamentari. Il Movimento 5 Stelle non vuole le elezioni, la Lega neppure e se Salvini dopo le europee cercherà di rompere gli equilibri di questo governo non cercherà i voti in Italia ma li cercherà in questo Parlamento», conclude il senatore Pd.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • paologiammancheri@gmail.com 22 novembre 2018

    Renzo invece è un bluff personificato….. E, come diceva Totò , ” ma mi faccia il piacere……!!!! “

  • elvio.f@alice.it 22 novembre 2018

    Lui il signor coerenza che dopo il referendum doveva sparire dalla politica per dedicarsi al suo orto continua a parlare…dai dai vai avanti cosi che ogni volta che apri bocca i pidioti perdono voti..

  • riandree@yahoo.com 22 novembre 2018

    renzi se non lo sai te lo dico io, siete stati asfaltati macellati maciullati in TUTTE le tornate elettorali, dalle politiche alle amministrative, avete perso roccaforti storiche, siete stati spazzati via… cosa parli ancora che fai la figura del pirla???

  • ptammur@yahoo.it 22 novembre 2018

    Ma ancora non sparisci? Fai un atto di coraggio sii coerente ritirati dalla politica

  • federico barbarossa 22 novembre 2018

    Brucia ancora tanto…

  • maurizio_turoli@yahoo.it 22 novembre 2018

    Purtroppo non rosica.
    Sa che con Mattarella il PD tornerà al govendo ma …. senza di lui.
    E’ per questo che rosica

    • riandree@yahoo.com 22 novembre 2018

      prima che l’avvoltoio quirinalizio metta il pd al governo bisogna che il presente governo cada e con Salvini temo che non sarà tanto facile che succeda..la iena quirinalizia non può far cadere un governo, può solo non permettere le elezioni. ma se in milioni ci facciamo vedere e facciamo pressione non credo che abbia il coraggio di commettere l’ennesima porcheria nei nostri confronti.. SIAMO NOI IL POPOLO SOVRANO, LUI E’ SOLO UN RAPPRESENTANTE DEL POPOLO SOVRANO NON UNO UNTO DAL SIGNORE CHE FA L’IMPERATORE.. se lo ricordi sto marcio fino al midollo

  • 21 novembre 2018

    Ma sta zitto Pirlo tutti i problemi di Italia sono apparsi sotto la tua guardia…droga, clandestini, mafia nigeriana, stupro altissimo, etc, etc ma fa il piacere a Italia SPARISCI

  • andyrex_r@libero.it 21 novembre 2018

    beh in compenso la credibilità che loro non hanno semmai ce la mette lui, vero !? che di credibilità ne ha parecchia dopo aver continuato a massacrare l’ italia con le regole dei tuoi amici tecnocrati europei.
    Rosica rosica ……