La prof presa a sediate: «Né studenti né genitori mi hanno chiesto scusa»

«Quello che più mi stupisce è che nessuno dei ragazzi di quella terza mi abbia espresso solidarietà. Né lo hanno fatto i loro genitori». L’insegnante d’italiano che lo scorso 30 ottobre ha denunciato di essere stata presa a sediate dagli studenti della classe in cui stava facendo lezione, all’istituto  professionale Floriani di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza è ancora dolorante alla spalla. «Devo fare accertamenti medici – dice a Repubblica – non riesco a muovere il braccio e non so quando potrò tornare a scuola. Non sto bene…». A chiarire cosa sia successo la mattina del 30 ottobre sarà un’indagine della procura presso il tribunale per i minorenni.  Ieri sono stati sentiti dai carabinieri  di Vimercate i genitori  di diversi studenti. Presto toccherà agli studenti  essere interrogati dagli investigatori. Il preside Daniele Zanghieri in una lettera aperta si è rivolto agli studenti chiedendo loro di raccontare ciò che hanno visto. «Fate l’unica cosa giusta possibile: dite la verità su quanto avvenuto, e decidete di cambiare rotta, di intraprendere una strada costruttiva». Ma l’appello è caduto nel vuoto e nessuno ha confessato o ha fatto i nomi dei compagni responsabili dell’aggressione. Sarà l’indagine a chiarire che la dinamica dell’aggressione.