I cortei del “No Salvini day”: bandiere bruciate, uova contro la polizia (i video)

venerdì 16 novembre 13:27 - di Fulvio Carro

“Siamo tutti clandestini”. bandiere della Lega e del M5S bruciate, uova contro la polizia. Il “No Salvini day” si svolge così, con le solite regole dei centri sociali, i cui militanti si sono mischiati con gli studenti. O meglio, con gli studenti delle organizzazioni di sinistra, anche se nascondono la loro provenienza. Sempre gli stessi slogan, sempre la stessa demagogia unito a un buonismo che in piazza diventa aggressivo. I “bravi ragazzi” antagonisti se la prendono con gli uomini in divisa, considerati nemici da sempre. Se la prendono con Salvini e bruciano un manichino con il volto del vicepremier. Gridano a favore dell’immigrazione (nessun controllo, porte aperte a chiunque e chissenefrega se finiscono nella rete della criminalità). In piazza in 70 città italiane, a Roma e Milano i cortei principali. Prese d’assalto anche le vetrine di Zara. L’invito (poco pacifico) è quello della «disobbedienza morale al clima di xenofobia, obbedienza al diritto, all’umanità, alle leggi del mare». E ancora: «Saperi liberi e senza confini, no al decreto Salvini». In molti ballano e saltano sulle note di Bella ciao e gridando: “Contro la scuola dei padroni, 10, 100, 1000 manifestoni!”. Dei tricolori nemmeno l’ombra, spadroneggiano le bandiere rosse, “Salvini vaffanculo”, “Uccidere Salvini non è reato”. «E poi sarei io che “semino odio”», il commento del leader della Lega.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • desdom@gmail.com 17 novembre 2018

    Auguro a questi deficienti tanta disoccupazione, tanta miseria e tanta insicurezza.
    E dopo manifestassero pure.

  • 16 novembre 2018

    Vogliano propio imparare il communismo? A questa altra dimostrazione chiamate il esercito e non la polizia e dategli carte Blanche!!! Uguale come succede nelle nazioni communista, arrestati mandateli a lavorare nelle miniere o campi SENZA PAGA…In Cina un atto di violenza semplice e equivale a 10 anni di lavoro forzato. Traffico e uso di narcotico, automaticamente MORTE!!

  • roccoangela60@yahoo.it 16 novembre 2018

    Di certo gli africani non farebbero cortei pro europei,gridando siamo tutti europeisti,ne ci farebbero stare in albergo campati da loro,e guai se dovessimo dire loro che siamo cristiani ci indurrebbero sicuramente a convertirci e al nostro rifiuto ci toccherebbe la peggiore delle vendette, ovviamente le donne sarebbero tutte schiavizzare,tutte vestite di nero,chiuse in casa a pulire e a fare figli,che ovviamente per la loro legge apparterrebbe ro ai padri,non sarebbero ammessi animali domestici in casa,ritenuti impuri,e si dovrebbe imparare a memoria il Corano da recitare 5 volte al giorno…e gli esauriti contro Salvini hanno anche il coraggio di gridare che sono tutti clandestini…ma che andassero a….

  • roccoangela60@yahoo.it 16 novembre 2018

    Che personcine perbene questi manifestanti contro Salvini:Violenti,aggressivi, dispotici,volgari,sballati,sbandati, esauriti,sgarbati…si proprio “belle “persone che gridano”siamo tutti clandestini”,vorrei proprio vedere se fossimo davvero noi i clandestini come verremmo trattati dagli Africani nelle loro terre…